Escursione Laghetti di Moino – T

Uno dei percorsi più amati. In questa proposta del CAI Valle Vigezzo si raggiunge la quota comodamente a bordo della cabinovia della Piana di Vigezzo. Pronti per questa imperdibile escursione?

Salita con la cabinovia della Piana di Vigezzo, con partenza da Prestinone e arrivo ai 1700 metri della Piana di Vigezzo. Per info e orari cliccate qui sotto e visitate il sito ufficiale.

All’arrivo della cabinovia in quota, prendere la mulattiera alla destra del Rifugio Ratagin (M25-SI-GTA). Si tratta di un’ampia strada in salita ben segnalata che dopo un tratto in piano si restringe in mulattiera mai troppo ripida fino alla Bocchetta di Moino (m. 1974).

Durante la salita il panorama è notevole: i paesi della Valle Vigezzo adagiati nella conca fra due catene montuose; più lontano verso ovest la lunga fila delle vette superiori a 4000 m che separano l’Ossola dal Cantone Vallese della Svizzera: Monte Rosa, Mischabel, Weissmies; a sud i monti del Parco Val Grande. Più vicino in direzione ovest/nordovest la Valle di Arvogno con i sui alpeggi di media montagna in parte trasformati in abitazioni per le vacanze ed a contorno la Pioda di Crana e il Pizzo Scheggia.

Superata la Bocchetta di Moino si scende sempre su mulattiera ben segnalata nell’alta Valle Onsernone ricoperta di boschi e di alpeggi di alta montagna.

Lungo il percorso si incontra il primo laghetto di Moino (m 1881) e subito dopo il Bivacco Greppi del CAI Vigezzo (attualmente inagibile). Il sentiero diventa pianeggiante e poco dopo si arriva al secondo laghetto e all’Alpe di Ruggia che in estate viene ancora inalpato e quindi vi si può trovare dell’ottimo formaggio.

Il terzo laghetto si trova più in alto e si può raggiungere con sentiero agevole ma all’inizio poco visibile salendo dal secondo laghetto in direzione sud. Sotto di noi la Valle Onsernone dopo un breve tratto diventa territorio svizzero e scende verso Locarno.
Il ritorno è previsto sullo stesso itinerario tenendo conto degli orari della funivia per la discesa a valle.

Tempo previsto di salita: ore 1.30

Dislivello in salita m 250+150

Difficoltà: T

Testo di Enrico Cheula
Foto di Roberto Paniz