Sentieri e Pensieri: Bruno Gambarotta e Benedetta Alciato

23-08-2019 18:00 - 23-08-2019 19:00

A Santa Maria Maggiore da lunedì 19 a domenica 25 agosto 2019 torna per il settimo anno consecutivo Sentieri e Pensieri, il festival letterario sotto la Direzione Artistica di Bruno Gambarotta.  

Anche quest’estate saranno molti gli autori, artisti e protagonisti del panorama culturale italiano che saliranno sul palco in Piazza Risorgimento o presso il Teatro Comunale e che andranno a comporre un ricchissimo calendario di appuntamenti, tutti a ingresso gratuito. Sostenuta e fortemente voluta dal Comune di Santa Maria Maggiore, la rassegna Sentieri e Pensieri propone incontri con i protagonisti della letteratura, della cultura, dello sport e dello spettacolo, presentazioni di libri e interviste. Per tutta la durata dell’evento sarà inoltre allestito un bookshop in Piazza Risorgimento, gestito dall’Associazione Libriamoci degli editori e dei librai del Verbano Cusio Ossola.

Venerdì 23 agosto alle ore 18 un doppio incontro speciale. Bruno Gambarotta presenta il suo ultimo romanzo Ero io su quel ponte, basato sulla cronaca del tragico crollo del ponte di Moncalieri nel maggio 1939. Benedetta Alciato, che insieme ad altri parenti e amici delle vittime del crollo del Ponte Morandi ha realizzato una emozionale antologia di ricordi, presenta in anteprima nazionale a Sentieri e Pensieri il volume Vite spezzate – Genova, 14 agosto 2018. Sarà il giornalista e scrittore Matteo Severgnini a condurre il pubblico del festival nel parallelo tra il crollo dei due ponti.

Bruno Gambarotta è nato ad Asti nel 1937, vive da sempre a Torino.
È stato in Rai per quasi quarant’anni, come autore e regista, conduttore e attore di serie televisive.
Nel cinema ha lavorato, tra gli altri, con Luigi Comencini, Nanni Loy, Carlo Lizzani.
Collabora con diverse testate giornalistiche tra cui “la Stampa”, “TuttoLibri” e il settimanale svizzero “Azione”.
Nella narrativa ha esordito nel 1977 con La nipote scomoda (scritto con Massimo Felisatti, edito da Mondadori), vincitore del Premio Gran Giallo – Città di Cattolica.
Dopo il romanzo Ombra di giraffa (Garzanti 2014), nel 2016 ha pubblicato con Manni i racconti gialli Non si piange sul latte macchiato, primo classificato al Premio Settembrini 2016 e menzione speciale al Premio Stresa 2017, e nel 2017 Il colpo degli uomini d’oro.

Ero io su quel ponte (Manni)
Il crollo del 31 maggio 1939 XVII Era Fascista

Camerata Arduino Giovanni, 14 anni appena compiuti, presente! La mia bicicletta è stata recuperata subito, per il mio corpo c’è voluto un po’ più di tempo. Morto ero morto, niente da dire, però, se mi avessero ripescato subito, avrei avuto il mio bel funerale fascista, con la sfilata, i labari abbrunati e il grido “Camerata Arduino, presente!”. Il 18 agosto era troppo tardi, avevano tutti la testa altrove, pochi giorni dopo Francia e Gran Bretagna avrebbero dichiarato guerra alla Germania. Avrei tanto voluto essere arruolato, combattere in prima linea, compiere gesta eroiche, guadagnare medaglie al valore. Il destino ha deciso diversamente.

Mercoledì 31 maggio 1939, ore 14.15, crolla il Ponte di Moncalieri.
Sono trascorse appena due settimane da quando ci è passato sopra Mussolini, è una via strategica perché consente agli abitanti della cittadina piemontese, 21.000 anime, di arrivare a Torino e al Lingotto, dove in tanti lavorano.
È una strada molto trafficata, e negli ultimi anni dal letto del fiume Po che il ponte sovrasta viene prelevata la sabbia che serve al rifacimento di via Roma, una delle principali di Torino. Da alcuni mesi il ponte lancia ripetuti segnali d’allarme, e infatti in quel momento il transito di veicoli è bloccato; ma non quello di pedoni e biciclette.
Nel crollo muoiono in nove – il più giovane, Giovanni, ha quattordici anni -, altri cinque restano feriti; alcuni cadaveri saranno recuperati soltanto ad agosto, perché è troppo pericoloso avviare le ricerche.
Bruno Gambarotta ricostruisce la vicenda, con i suoi risvolti drammatici e quelli grotteschi, attraverso le pagine dei giornali dell’epoca e i documenti delle autorità, ascoltando i testimoni sopravvissuti, e dando voce alle vittime che, come in Spoon River, tornano per raccontare in prima persona la loro storia.
La rievocazione di questa tragedia, grazie alla penna ironica di Gambarotta, diventa un vero romanzo corale sulla storia, sulla fatalità, sull’incrocio dei destini.

***

Benedetta Alciato lavora come receptionist in un hotel ma per passione scrive e traduce, oltre a dedicarsi alla fotografia. Parente lei stessa della famiglia di Camporone che ha perso la vita nel crollo del ponte Morandi, ha fortemente voluto questo libro e grazie alla sua determinazione ha raccolto le testimonianze e i racconti che lo compongono.

Vite spezzate – Genova, 14 agosto 2018 (Il Canneto)
Come spiega nell’introduzione Lucia Pinasco, psicologa e psicoterapeuta, questo volume è “un’opera a più mani, coordinata e pazientemente cucita dalla tenacia di Benedetta che ha creduto nella necessità di dare voce a chi in quel Ponte ha perso quanto aveva di più prezioso, ma anche a chi come Gianluca ha trovato una seconda opportunità di vita, e a chi dopo il crollo ha prestato soccorso immediatamente con voglia e capacità di ‘fare la differenza’ dentro quello scenario apocalittico”. I racconti e le storie qui raccolti hanno come protagonisti coloro che da quel 14 agosto non hanno più possibilità di raccontarsi. Nel vuoto incolmabile che hanno lasciato, numerosi amici e famigliari hanno accolto con gratitudine l’opportunità di ricordarli in un libro. Il risultato, come ci dice Benedetta, è stato doloroso ma insieme confortante: “Mi sento di definire tutte le persone che hanno partecipato a questa raccolta la mia ‘seconda famiglia’. È per loro, per me, per i nostri cari, soprattutto per la memoria dei nostri cari, che questo libro è stato scritto. Perché tutti possano conoscere un pochino le persone che ci hanno lasciato, perché tutti possano conoscere un pochino anche noi che le ricordiamo, perché tutti possano sapere la verità”. Al progetto hanno risposto con favore anche il sindaco di Genova Marco Bucci, che apre la raccolta con un intervento, e i capitani di Genoa e Sampdoria Domenico Criscito e Fabio Quagliarella, che hanno scritto la prefazione.

Il ricavato delle vendite di Vite spezzate – 14 agosto 2018 sarà devoluto all’Associazione ANGSA Liguria.

Ci allena Genova. Ci allenano i genovesi. Ci allena la voglia di lottare della gente.
Ci allena la visione di quell’orizzonte violentato, un buco nel cielo dove una volta c’era il ponte Morandi. Ci allena il bisogno di ricostruire. Ci allena la spinta a non mollare. Ci allena il ricordo di tutte quelle anime innocenti che non ci sono più, ma che non potremo mai dimenticare.

dalla prefazione di Domenico Criscito, capitano Genoa e  Fabio Quagliarella, capitano Sampdoria

Vite spezzate nasce dall’esigenza di ricordare, ma non perché le persone si possano dimenticare. Un’opera a più mani, coordinata e pazientemente cucita dalla tenacia di Benedetta Alciato che ha creduto nella necessità di dare voce a tutti coloro che in quel ponte hanno perso quanto avevano di più prezioso, ma anche a chi come Gianluca ha trovato una seconda opportunità di vita, e a chi dopo il crollo ha prestato soccorso immediatamente con voglia e capacità di fare la differenza dentro quello scenario apocalittico.

dall’introduzione di Lucia Pinasco, psicologa


Sentieri e Pensieri 2019 è realizzato dal Comune di Santa Maria Maggiore, con il patrocinio e sostegno della Regione Piemonte, con il prezioso contributo di Fondazione Comunitaria VCO e con la collaborazione della Fondazione Circolo dei lettoriSentieri e Pensieri fa parte di Borgate dal vivo

 

      

           

                         Partner organizzativi                                                      Media partner


                 

 

Scopri altri eventi simili!

  • Santa Maria Maggiore, Mostra “Collezioni svelate. Valle Vigezzo andata ritorno”: Max Ponti, La piana dell'Ossola vista da Crosiggia, 1905
    19-10-2019 10:00 - 19-10-2019 18:30

    Da luglio a novembre presso il Centro Culturale Vecchio Municipio è visitabile l'esposizione, con 54 opere inedite, Collezioni svelate. Valle Vigezzo andata e ritorno, organizzata con la collaborazione del Centro di Documentazione alpina Terre alte - Oscellana e dell'Associazione Culturale Villarte.

    La fama della pittura vigezzina da secoli travalica i confini locali e Santa Maria Maggiore, capoluogo della valle dei pittori, ha da sempre accolto – in vari momenti dell'anno e in numerose strutture culturali – esposizioni temporanee ed eventi artistici in grado di definire ancor meglio il valore così prezioso di questa tradizione. Proprio a Santa Maria Maggiore sorge l'unica Scuola di Belle Arti ancora attiva su tutto l'arco alpino italiano: un unicum nazionale che proprio per i tesori che custodisce e per i valori che tramanda di generazione in generazione, si è recentemente aggiudicata un finanziamento di 250.000€ da Fondazione Cariplo.
    Doverose premesse per spiegare finalità e motivazioni che hanno spinto il Comune di Santa Maria Maggiore a voler programmare anche per questa estate una mostra di pittura negli spazi del Centro Culturale Vecchio Municipio in Piazza Risorgimento.

    Collezioni svelate. Valle Vigezzo andata e ritorno è allestita grazie alla preziosa collaborazione del Centro di Documentazione alpina Terre alte - Oscellana e dell'Associazione Culturale Villarte Onlus di Villadossola; mostra e catalogo sono realizzati grazie al contributo economico della Fondazione Paola Angela Ruminelli e di ESM ingégnerie sa di Ginevra.

    La mostra - a ingresso gratuito - fino a domenica 1 settembre sarà aperta dal martedì alla domenica dalle ore 10 alle ore 12 e dalle ore 16 alle ore 18.30. Dal 7 settembre al 3 novembre sarà visitabile il sabato e la domenica con gli stessi orari.

    La stagione estiva del nostro paese si arricchisce quest'anno di una mostra che, grazie all'intuizione di Emile Martin Ponti, darà l'opportunità di ammirare opere inedite di pittori vigezzini ancora non del tutto esplorati. Per il Comune di Santa Maria Maggiore trasmetto l'orgoglio e il piacere di apprezzare le qualità artistiche e pittoriche di Max Ponti, scomparso in giovane età, e di riportarle a pochi passi dalla propria dimora, Villa Antonia, oggi sede del nostro Municipio, ma appartenuta nei tempi alla famiglia Ponti.

    Claudio Cottini, Sindaco di Santa Maria Maggiore

    L'esposizione, curata, così come il catalogo, da Aldo Banchini e Paolo Volorio, vede convergere produzioni di maestri vigezzini provenienti da quattro raccolte private con la finalità di illustrare, attraverso opere completamente inedite, un percorso nella pittura della Val Vigezzo dal XVIII secolo sino agli inizi del Novecento.
    Le opere testimoniano ancora una volta l'importanza della pittura vigezzina e il suo carattere internazionale, tanto per il lusinghiero riscontro e la riconosciuta importanza che gli artisti vigezzini ebbero in Francia ed in Svizzera, quanto per il legame che maestri originari di questa terra mantennero con essa, pur operando in contesti molto distanti.

    La mostra offrirà al pubblico cinquantaquattro opere fra oli e disegni, a cui si aggiunge una serie di litografie, allestite secondo due filoni tematici interconnessi fra loro:

    • un percorso espositivo cronologico che sintetizza esemplarmente il carattere della scuola vigezzina tra i secoli XVIII e XIX e il suo sviluppo e successo in Francia;
    • una porzione dedicata alla figura e all'opera di Max Ponti, pittore di origine vigezzina discendente dalla famiglia dei Rossetti, peraltro pressoché ignoto, che ebbe vita breve ma stretti legami nella Parigi di primo Novecento con i movimenti avanguardisti del nuovo secolo, sviluppati dalla pittura di Cézanne, Van Gogh e Gauguin, dei Fauves e dei postimpressionisti.

    Collezioni svelate. Valle Vigezzo andata e ritorno offre, tra l'altro, eccezionali ritrovamenti, quali il bozzetto originale della più nota opera di Antonio Cotti, il Dante deriso, o due ritratti realizzati a quattro mani da Carlo Fornara e Giovanni Battista Ciolina durante il loro soggiorno a Lione nel 1896. Particolare spazio ha il tema del ritratto femminile vigezzino in abito tradizionale, rappresentato dalla fine del Settecento fino agli anni '80 del XIX secolo, consentendo di coglierne le trasformazioni e l'evoluzione inconografica ed i suoi rapporti con la coeva ritrattistica francese.

    Emergono infine dall'esposizione nuove acquisizioni ed interessanti dati, tali da porre questo evento come fondamentale apporto per la ricostruzione della storia della pittura vigezzina. L'esposizione Collezioni svelate. Valle Vigezzo andata e ritorno diventa quindi stimolo per la realizzazione di future mostre, finalizzate a svelare il patrimonio troppo spesso celato delle collezioni private, la cui conoscenza e studio diventano fondamentali per la ricostruzione della storia e della civiltà di un ambito culturale.

    Scopri qui il Centro Culturale Vecchio Municipio.

     

  • La poesia architettonica di piazza Gennari a Santa Maria Maggiore (VB)
    26-10-2019 11:10 - 26-10-2019 13:00

    Sabato 26 ottobre e sabato 9 e domenica 10 novembre, in occasione del foliage autunnale, visite guidate dedicate all’architettura vigezzina, a Santa Maria Maggiore e nella sua frazione Crana.

    La visita guidata, dedicata all’architettura vigezzina e alle coltivazioni tipiche montane, inizierà dal piccolo borgo di Crana, frazione contadina di Santa Maria Maggiore. Seguirà la visita al centro storico di Santa Maria Maggiore, con le sue ville signorili; non mancheranno approfondimenti sulla storia degli spazzacamini e dei pittori che hanno caratterizzato e reso nota la Valle Vigezzo nei secoli.

    Ritrovo alle ore 11.10 alla stazione della Ferrovia Vigezzina-Centovalli di Santa Maria Maggiore, ore 13 conclusione della visita.

    Costi: adulti € 10; bambini € 6; famiglie € 25

    Prenotazione obbligatoria entro le ore 20 del giorno precedente direttamente alla guida escursionistica Arianna Bertoni (cell. +39 347 9103100 - mail: abertoni@hotmail.it).

     

  • La poesia architettonica di piazza Gennari a Santa Maria Maggiore (VB)
    10-11-2019 11:10 - 10-11-2019 13:00

    Sabato 26 ottobre e sabato 9 e domenica 10 novembre, in occasione del foliage autunnale, visite guidate dedicate all’architettura vigezzina, a Santa Maria Maggiore e nella sua frazione Crana.

    La visita guidata, dedicata all’architettura vigezzina e alle coltivazioni tipiche montane, inizierà dal piccolo borgo di Crana, frazione contadina di Santa Maria Maggiore. Seguirà la visita al centro storico di Santa Maria Maggiore, con le sue ville signorili; non mancheranno approfondimenti sulla storia degli spazzacamini e dei pittori che hanno caratterizzato e reso nota la Valle Vigezzo nei secoli.

    Ritrovo alle ore 11.10 alla stazione della Ferrovia Vigezzina-Centovalli di Santa Maria Maggiore, ore 13 conclusione della visita.

    Costi: adulti € 10; bambini € 6; famiglie € 25

    Prenotazione obbligatoria entro le ore 20 del giorno precedente direttamente alla guida escursionistica Arianna Bertoni (cell. +39 347 9103100 - mail: abertoni@hotmail.it).