Sentieri e Pensieri: Gino Cervi e Marina Coppi

24-08-2019 21:00 - 24-08-2019 22:15

 A Santa Maria Maggiore da lunedì 19 a domenica 25 agosto 2019 torna per il settimo anno consecutivo Sentieri e Pensieri, il festival letterario sotto la Direzione Artistica di Bruno Gambarotta.  

Anche quest’estate saranno molti gli autori, artisti e protagonisti del panorama culturale italiano che saliranno sul palco in Piazza Risorgimento o presso il Teatro Comunale e che andranno a comporre un ricchissimo calendario di appuntamenti, tutti a ingresso gratuito. Sostenuta e fortemente voluta dal Comune di Santa Maria Maggiore, la rassegna Sentieri e Pensieri propone incontri con i protagonisti della letteratura, della cultura, dello sport e dello spettacolo, presentazioni di libri e interviste. Per tutta la durata dell’evento sarà inoltre allestito un bookshop in Piazza Risorgimento, gestito dall’Associazione Libriamoci degli editori e dei librai del Verbano Cusio Ossola.

Sabato 24 agosto alle ore 21 a pochi giorni dal centenario della nascita del “Campionissimo”, un vero e proprio tributo al grande ciclista alessandrino, con la presentazione di Alfabeto Fausto Coppi. Presente sul palco di Sentieri e Pensieri Gino Cervi, coautore insieme a Giovanni Battistuzzi, accompagnato da Marina Coppi, figlia del grande ciclista piemontese. A moderare l’incontro sarà il giornalista sportivo Gianluca Trentini.

Gino Cervi da trent’anni lavora nei libri: scrive di sport ed è coppiano per linea materna. Ha scritto un libro di racconti per ragazzi sulle Olimpiadi (Storie a cinque cerchi, 2012) e uno sui luoghi storici dello sport a Milano (Milano nello sport, 2014).

Alfabeto Fausto Coppi (Ediciclo)
Illustrazioni di Riccardo Guasco
Una biofiction in 100 brevi racconti che, come in un essenziale sillabario di oggetti, accadimenti, luoghi, sentimenti ordinati dalla A alla Z, disegna intorno alle 21 lettere dell’alfabeto vita, avventure e disavventure del Campionissimo.

Fausto Coppi, come un vero classico dell’arte del Novecento, è una figura scomposta, spezzata, contraddittoria: garzone e airone, splendido e goffo, invincibile e fragile, mortale a quarant’anni, immortale a cento. Di lui, della sua vita, delle sue imprese, della sua morte forse si è già scritto tutto. Non resta che provare a ricomporre per frammenti lo specchio della sua storia e a riordinarli come in un sillabario, in ordine alfabetico, per piccole illuminazioni laterali: un oggetto, un sentimento, un dettaglio trascurabile al primo sguardo. Dalla A alla Z, cento microstorie, cento piccoli quadri rileggono Fausto Coppi come un’opera cubista, con le 21 lettere dell’alfabeto, racconti tra i racconti, illustrate dal segno inconfondibile di Riccardo Guasco.

Giovanni Battistuzzi, giornalista a “Il Foglio” dal 2014, si occupa di sport, soprattutto ciclismo: nel sito web del quotidiano tiene un blog dal titolo Girodiruota, lo stesso del suo libro pubblicato nel 2014.
Riccardo Guasco, illustratore di fama internazionale, è tra i migliori interpreti della “fantasia in bicicletta”: ha lavorato per il “New Yorker”, il “Los Angeles Magazine”, “La Repubblica”, “L’Espresso”, “Gazzetta dello Sport”, Thames & Hudson, Mondadori, Utet, Topipittori e molti altri marchi.

«Novi Ligure, 31 ottobre 1953

Il biondino e gli altri due entrarono e in un salone disadorno, quasi monacale, Fausto Coppi era sdraiato su di una panca. Lo massaggiava un omaccione con un paio occhialoni da sole a coprirgli lo sguardo. Tutto era fermo nella stanza, tranne le mani dell’uomo sulle gambe del campione. […]
“Tu sei Jacques, vero?”, disse Coppi. Il biondino fece due passi verso il campione. Cavanna gli si avvicinò. Gli prese il polso, ne valutò l’ossatura, tastò la muscolatura del collo, scese a misurare cassa toracica e stomaco sino a soppesare cosce e polpacci. Ritornò a impugnare il polso. “Emozionato, eh?”. Il biondino arrossì. Fausto sorrise. “Sei un orco” disse a Biagio. Poi guardò il ragazzo: “Gran Premio di Francia, Gran Premio delle Nazioni, Gran Premio di Lugano: un bel bottino. E non hai ancora vent’anni. Ma la classe si vede se ce l’hai o non ce l’hai, anche a diciotto”.
E mentre parlava il suo sguardo era mite e sincero, quello di uno che pensa davvero alle cose che dice.
Cavanna sentiva il polso e diceva: “Bene, bene, benissimo”. Fausto annuiva solo con la testa, senza dire una parola. Poi interruppe il silenzio: “A vent’anni il corpo sa tutto di te, poi diventa sempre più sordo. Dagli retta, per il momento. Certo, avere uno che si prende cura sarebbe molto meglio…”
Una guida o una balia? Il biondino aveva bisogno di ordini e disciplina? Qualche ora dopo Cavanna lo portò a vedere la sua scuola di talenti e lo invitò a restare. Il francesino si sentì onorato, ma i suoi occhi vedevano tavoli di legno lordo e panche da osteria, brande militari e giovani corridori stanchi morti. Un’Italia poverissima e in bianco e nero.
Il biondino abbassò la testa: “C’ho in testa il mio metodo. E so dove voglio arrivare. Di fame e disciplina non ne voglio sapere”.
Però non lo disse. Lo pensò soltanto. Senza guardarlo negli occhi Jacques Anquetil all’omaccione nero disse: “No, grazie”».


Sentieri e Pensieri 2019 è realizzato dal Comune di Santa Maria Maggiore, con il patrocinio e sostegno della Regione Piemonte, con il prezioso contributo di Fondazione Comunitaria VCO e con la collaborazione della Fondazione Circolo dei lettoriSentieri e Pensieri fa parte di Borgate dal vivo

 

      

           

                         Partner organizzativi                                                      Media partner


                 

 

Scopri altri eventi simili!

  • Santa Maria Maggiore, Mostra “Collezioni svelate. Valle Vigezzo andata ritorno”: Max Ponti, La piana dell'Ossola vista da Crosiggia, 1905
    19-10-2019 10:00 - 19-10-2019 18:30

    Da luglio a novembre presso il Centro Culturale Vecchio Municipio è visitabile l'esposizione, con 54 opere inedite, Collezioni svelate. Valle Vigezzo andata e ritorno, organizzata con la collaborazione del Centro di Documentazione alpina Terre alte - Oscellana e dell'Associazione Culturale Villarte.

    La fama della pittura vigezzina da secoli travalica i confini locali e Santa Maria Maggiore, capoluogo della valle dei pittori, ha da sempre accolto – in vari momenti dell'anno e in numerose strutture culturali – esposizioni temporanee ed eventi artistici in grado di definire ancor meglio il valore così prezioso di questa tradizione. Proprio a Santa Maria Maggiore sorge l'unica Scuola di Belle Arti ancora attiva su tutto l'arco alpino italiano: un unicum nazionale che proprio per i tesori che custodisce e per i valori che tramanda di generazione in generazione, si è recentemente aggiudicata un finanziamento di 250.000€ da Fondazione Cariplo.
    Doverose premesse per spiegare finalità e motivazioni che hanno spinto il Comune di Santa Maria Maggiore a voler programmare anche per questa estate una mostra di pittura negli spazi del Centro Culturale Vecchio Municipio in Piazza Risorgimento.

    Collezioni svelate. Valle Vigezzo andata e ritorno è allestita grazie alla preziosa collaborazione del Centro di Documentazione alpina Terre alte - Oscellana e dell'Associazione Culturale Villarte Onlus di Villadossola; mostra e catalogo sono realizzati grazie al contributo economico della Fondazione Paola Angela Ruminelli e di ESM ingégnerie sa di Ginevra.

    La mostra - a ingresso gratuito - fino a domenica 1 settembre sarà aperta dal martedì alla domenica dalle ore 10 alle ore 12 e dalle ore 16 alle ore 18.30. Dal 7 settembre al 3 novembre sarà visitabile il sabato e la domenica con gli stessi orari.

    La stagione estiva del nostro paese si arricchisce quest'anno di una mostra che, grazie all'intuizione di Emile Martin Ponti, darà l'opportunità di ammirare opere inedite di pittori vigezzini ancora non del tutto esplorati. Per il Comune di Santa Maria Maggiore trasmetto l'orgoglio e il piacere di apprezzare le qualità artistiche e pittoriche di Max Ponti, scomparso in giovane età, e di riportarle a pochi passi dalla propria dimora, Villa Antonia, oggi sede del nostro Municipio, ma appartenuta nei tempi alla famiglia Ponti.

    Claudio Cottini, Sindaco di Santa Maria Maggiore

    L'esposizione, curata, così come il catalogo, da Aldo Banchini e Paolo Volorio, vede convergere produzioni di maestri vigezzini provenienti da quattro raccolte private con la finalità di illustrare, attraverso opere completamente inedite, un percorso nella pittura della Val Vigezzo dal XVIII secolo sino agli inizi del Novecento.
    Le opere testimoniano ancora una volta l'importanza della pittura vigezzina e il suo carattere internazionale, tanto per il lusinghiero riscontro e la riconosciuta importanza che gli artisti vigezzini ebbero in Francia ed in Svizzera, quanto per il legame che maestri originari di questa terra mantennero con essa, pur operando in contesti molto distanti.

    La mostra offrirà al pubblico cinquantaquattro opere fra oli e disegni, a cui si aggiunge una serie di litografie, allestite secondo due filoni tematici interconnessi fra loro:

    • un percorso espositivo cronologico che sintetizza esemplarmente il carattere della scuola vigezzina tra i secoli XVIII e XIX e il suo sviluppo e successo in Francia;
    • una porzione dedicata alla figura e all'opera di Max Ponti, pittore di origine vigezzina discendente dalla famiglia dei Rossetti, peraltro pressoché ignoto, che ebbe vita breve ma stretti legami nella Parigi di primo Novecento con i movimenti avanguardisti del nuovo secolo, sviluppati dalla pittura di Cézanne, Van Gogh e Gauguin, dei Fauves e dei postimpressionisti.

    Collezioni svelate. Valle Vigezzo andata e ritorno offre, tra l'altro, eccezionali ritrovamenti, quali il bozzetto originale della più nota opera di Antonio Cotti, il Dante deriso, o due ritratti realizzati a quattro mani da Carlo Fornara e Giovanni Battista Ciolina durante il loro soggiorno a Lione nel 1896. Particolare spazio ha il tema del ritratto femminile vigezzino in abito tradizionale, rappresentato dalla fine del Settecento fino agli anni '80 del XIX secolo, consentendo di coglierne le trasformazioni e l'evoluzione inconografica ed i suoi rapporti con la coeva ritrattistica francese.

    Emergono infine dall'esposizione nuove acquisizioni ed interessanti dati, tali da porre questo evento come fondamentale apporto per la ricostruzione della storia della pittura vigezzina. L'esposizione Collezioni svelate. Valle Vigezzo andata e ritorno diventa quindi stimolo per la realizzazione di future mostre, finalizzate a svelare il patrimonio troppo spesso celato delle collezioni private, la cui conoscenza e studio diventano fondamentali per la ricostruzione della storia e della civiltà di un ambito culturale.

    Scopri qui il Centro Culturale Vecchio Municipio.

     

  • La poesia architettonica di piazza Gennari a Santa Maria Maggiore (VB)
    26-10-2019 11:10 - 26-10-2019 13:00

    Sabato 26 ottobre e sabato 9 e domenica 10 novembre, in occasione del foliage autunnale, visite guidate dedicate all’architettura vigezzina, a Santa Maria Maggiore e nella sua frazione Crana.

    La visita guidata, dedicata all’architettura vigezzina e alle coltivazioni tipiche montane, inizierà dal piccolo borgo di Crana, frazione contadina di Santa Maria Maggiore. Seguirà la visita al centro storico di Santa Maria Maggiore, con le sue ville signorili; non mancheranno approfondimenti sulla storia degli spazzacamini e dei pittori che hanno caratterizzato e reso nota la Valle Vigezzo nei secoli.

    Ritrovo alle ore 11.10 alla stazione della Ferrovia Vigezzina-Centovalli di Santa Maria Maggiore, ore 13 conclusione della visita.

    Costi: adulti € 10; bambini € 6; famiglie € 25

    Prenotazione obbligatoria entro le ore 20 del giorno precedente direttamente alla guida escursionistica Arianna Bertoni (cell. +39 347 9103100 - mail: abertoni@hotmail.it).

     

  • La poesia architettonica di piazza Gennari a Santa Maria Maggiore (VB)
    10-11-2019 11:10 - 10-11-2019 13:00

    Sabato 26 ottobre e sabato 9 e domenica 10 novembre, in occasione del foliage autunnale, visite guidate dedicate all’architettura vigezzina, a Santa Maria Maggiore e nella sua frazione Crana.

    La visita guidata, dedicata all’architettura vigezzina e alle coltivazioni tipiche montane, inizierà dal piccolo borgo di Crana, frazione contadina di Santa Maria Maggiore. Seguirà la visita al centro storico di Santa Maria Maggiore, con le sue ville signorili; non mancheranno approfondimenti sulla storia degli spazzacamini e dei pittori che hanno caratterizzato e reso nota la Valle Vigezzo nei secoli.

    Ritrovo alle ore 11.10 alla stazione della Ferrovia Vigezzina-Centovalli di Santa Maria Maggiore, ore 13 conclusione della visita.

    Costi: adulti € 10; bambini € 6; famiglie € 25

    Prenotazione obbligatoria entro le ore 20 del giorno precedente direttamente alla guida escursionistica Arianna Bertoni (cell. +39 347 9103100 - mail: abertoni@hotmail.it).