Sentieri e Pensieri: Luigi Maieron

25-08-2017 18:00 - 25-08-2017 19:30

A Santa Maria Maggiore da sabato 19 a venerdì 25 agosto torna per il quinto anno consecutivo Sentieri e Pensieri, la rassegna letteraria estiva sotto la Direzione Artistica di Bruno Gambarotta.

Anche quest’estate saranno molti gli autori, artisti e protagonisti del panorama culturale italiano che saliranno sul palco in Piazza Risorgimento o presso il Teatro Comunale e che andranno a comporre un ricchissimo calendario di appuntamenti, tutti a ingresso gratuito. Sostenuta e fortemente voluta per il quinto anno consecutivo dal Comune di Santa Maria Maggiore, la rassegna Sentieri e Pensieri propone incontri con i protagonisti della letteratura, della cultura, dello sport e dello spettacolo, presentazioni di libri e interviste, accompagnati da musica, spettacoli di strada e arte. Per tutta la durata dell’evento sarà inoltre allestito un bookshop in Piazza Risorgimento, gestito dall’Associazione Libriamoci degli editori e dei librai del Verbano Cusio Ossola.

Venerdì 25 agosto alle ore 18 il musicista Luigi Maieron presenta Quasi niente, Ed. Chiarelettere, l’ultimo libro scritto con l’alpinista e scrittore Mauro Corona, tra musica, ricordi e suggestioni.

Luigi Maieron è nato a Cercivento (Udine) nel 1954. Dal nonno e dalla madre ha ereditato la passione per la musica, iniziando a suonare fin da bambino nella sua Carnia. Ha vinto tre edizioni del Festival del canto friulano (1993, 1995, 2012) e il premio Friùl (1997). Ha avviato una collaborazione artistica con Mauro Corona e Toni Capuozzo con lo spettacolo Tre uomini di parola. Nel 2002 ha pubblicato l’album Si Vîf, prodotto da Massimo Bubola, ottenendo un ottimo successo di critica e collocandosi al secondo posto al
premio Tenco. Il suo album più recente s’intitola Vino, tabacco e cielo (2011). Su “la Repubblica” Gianni Mura ha definito Maieron “un albero che ha il dono della parola”.

Quasi niente (Chiarelettere)
Quasi niente ha il sapore antico delle storie narrate un tempo davanti al focolare. Storie che intrattenevano liberando sapienze semplici ed essenziali, di cui oggi si sente la mancanza. In quest’epoca frenetica dominata dai miti del successo, della vittoria a ogni costo e dell’arricchimento, Corona e Maieron portano un contributo diverso e spiazzante. Parlano di sconfitta, fragilità, desiderio, pace interiore, lealtà, radici, silenzio, senso del limite, amore, rievocando personaggi leggendari come Anna, Silvio, Menin, Tituta, Tacus, Orlandin, Cecilia, Tin, il trio Pakai e molti altri. Uomini e donne che non hanno trovato spazio nei libri di storia ma hanno saputo lasciare un messaggio illuminante, che può trasformare le nostre vite. “Filosofastri” le cui minute sapienze tramandano la memoria di chi vive nelle piccole valli, dove non nevica firmato e ci si può chiamare da una costa all’altra.
Questo libro ha un precedente nella voce. Nasce dall’incontro tra due grandi amici che, in una conversazione appassionata e godibilissima, alternano delicatamente storie, aneddoti, riflessioni e citazioni regalandoci un piccolo e prezioso gioiello. Una filosofia minima e pratica che al linguaggio gridato preferisce l’arte di sussurrare, in cui l’etica del fare ha sempre la meglio sull’estetica dell’apparire. Una filosofia che proviene da un passato rievocato senza nostalgie. Un tempo in cui i valori erano vissuti concretamente non per moralismo ma perché aiutavano a stare meglio.
Quasi niente è l’ultima traccia di un mondo ben diverso da quello in cui viviamo oggi. Un mondo duro, feroce, ma che ha ancora molto da insegnarci.


Sentieri e Pensieri 2017 è realizzato dal Comune di Santa Maria Maggiore, con il patrocinio della Regione Piemonte e con il contributo e la collaborazione de Il Circolo dei Lettori di Torino

           

 

 

           Partner organizzativi                                                    Partner tecnici


                       

       Media partner

Scopri altri eventi simili!

  • 23-09-2017 10:00 - 23-09-2017 19:00

    Da lunedì 3 luglio presso la Scuola di Belle Arti Rossetti Valentini sarà visitabile anche "Barba e baffi", l'esposizione temporanea allestita in curioso dialogo con i ritratti femminili del Centro Culturale Vecchio Municipio.

    Un percorso divertente alla scoperta dei ritratti maschili con due unici denominatori comuni, barba e baffi, appunto, alla cui base c'è la grande qualità artistica dei ritrattisti vigezzini, che tanto nei soggetti maschili, quanto in quelli femminili, esprimono al meglio le loro capacità tecniche ed emotive.

    La mostra è aperta, fino a domenica 3 settembre, dal giovedì al martedì dalle ore 10 alle ore 12 e dalle ore 16.30 alle ore 19. Dal weekend successivo e fino a domenica 1 ottobre la mostra sarà visitabile il sabato e la domenica, con gli stessi orari.

    Ingresso € 2.

    "Barba e baffi" da venerdì 7 luglio dialogherà con “Donna dalla testa ai piedi: il ritratto femminile nella pittura vigezzina”, la mostra  ospitata presso il Vecchio Municipio: non perdete l'occasione di visitarle entrambe!

     

  • Mostra Donne dalla testa ai piedi a Santa Maria Maggiore
    23-09-2017 10:00 - 23-09-2017 19:00

    Da sabato 8 luglio e per tutta l'estate presso il Centro Culturale Vecchio Municipio sarà visitabile la grande mostra estiva del Comune di Santa Maria Maggiore. Dedicata alla figura femminile, l'esposizione si intitola “Donna dalla testa ai piedi: il mondo femminile nella cultura vigezzina”.

    Un viaggio alla scoperta dei visi, degli accessori, dei mestieri e delle personalità femminili che hanno attraversato secoli di storia vigezzina. La valle dei pittori torna dunque a celebrare i grandi eclettismi dei pittori che hanno lasciato testimonianze artistiche di grande valore. Ciolina, Fornara, Besana, Cavalli e Borgnis sono alcuni dei grandi in esposizione al Centro Culturale Vecchio Municipio fino al 3 settembre.

    La mostra è resa possibile grazie al prezioso contributo della Fondazione Comunitaria del VCO.

    Le sale espositive di Piazza Risorgimento ospiteranno questa inedita mostra dedicata alla ritrattistica femminile, uno dei due filoni figurativi nei quali la pittura vigezzina si è meglio espressa. Un percorso particolarmente avvincente, con esiti sublimi, nei quadri che ritraggono le donne: ora vezzose, ora un po’ scarmigliate, stanche, alcune giovanissime e piene di vita e speranza, altre in età avanzata, con i segni che la vita inevitabilmente lascia sulla faccia di chi non si risparmia.

    Il racconto è tutto incentrato sulla figura femminile vigezzina dal '700 all'epoca moderna, attraverso storie ambientate nei campi, oppure davanti al telaio per filare la lana, o ancora ritratti di vicende intime e delicate. Tantissimi gli oggetti e gli accessori presenti al Vecchio Municipio, tra cui una selezione meravigliosa di cappelli provenienti dal Museo del cappello di Ghiffa (VB). Un angolo dedicato alle metaforiche vicende di Cenerentola, due inediti di Ciolina, una porzione dedicata ai matrimoni e altre chicche ancora comporranno una mostra davvero coinvolgente. E non solo per la qualità delle opere esposte.

    Una mostra che aggiunge un nuovo tassello alla conoscenza della pittura vigezzina, un'esposizione tutta al femminile, rivolta, però, a tutta la famiglia: i quadri, gli abiti, gli accessori, i gioielli potranno ammaliare le signore e intrigare gli uomini, i vestiti con i quali i bambini potranno abbigliarsi e fotografarsi costituiranno per loro e i loro genitori un gioco appassionante.Tutti insieme potranno votare "Miss Mostra", ovvero l'opera che più piace tra quelle presenti in sala. L'obiettivo è fornire uno strumento di conoscenza divertendo il visitatore, lasciandogli un ricordo speciale.

    La mostra è aperta tutti i giorni fino a domenica 3 settembre dalle ore 10 alle ore 12 e dalle ore 16.30 alle ore 19. Dal weekend successivo la mostra sarà visitabile, con gli stessi orari, il sabato e la domenica fino al 1 ottobre.

    Ingresso € 2. Under 12 gratuito; under 18 e over 65 € 1.

    La mostra è resa possibile grazie al prezioso contributo della Fondazione Comunitaria del VCO.

    “Donna dalla testa ai piedi: il mondo femminile nella cultura vigezzina” è allestita in "dialogo" con la temporanea "Barba e baffi" ospitata presso la Scuola di Belle Arti Rossetti Valentini: non perdere l'occasione di visitare entrambe le esposizioni!