Visite guidate alla Torre di Casa Simonis

22-07-2017 10:00 - 22-07-2017 16:30

Sabato 15 e sabato 22 luglio possibilità di effettuare una visita guidata della Torre del XIV secolo della famiglia Simonis, con presentazione a cura dell’architetto Giovanni Simonis.

La Torre di Casa Simonis è un complesso di grande interesse storico e architettonico, con una collezione privata di 141 preziosi disegni che rappresentano rilievi e ricostruzioni delle antiche case della Valle Vigezzo.

Presentazione nel salone cinquecentesco al primo piano della casa e visita della torre del XIV secolo

Dopo l’anno 1000 il vigoroso sviluppo delle attività produttive e commerciali in Italia e in Europa, con il concomitante innalzamento della temperatura, ha una influenza significativa nelle Alpi, che godranno di un periodo definito da Paul Guichonnet, dell’università di Ginevra, età d’oro o rinascimento alpino. Il trasporto attraverso i passi diviene una delle più remunerative attività per gli abitanti. A Craveggia una torre, costruita sull’altura ancora denominata Motto della torre, non era più sufficiente a svolgere il ruolo di casa forte, cioè di luogo atto a conservare e proteggere le merci trasportate. Dal XII al XIV secolo alcune famiglie si trasferiscono quindi vicino all’antica chiesa romanica di Santa Maria Maggiore ed al prato dove il 6 gennaio si riunivano i consoli delle comunità di vicini della valle. La potente famiglia dei de’ Rubeis, che contendeva ai de’ Balchonus i diritti di gestione dei trasporti delle merci si insedia a ovest della chiesa, costruisce la propria casa e una torre con, per la sosta dei muli e dei cavalli, una stalla e un grande cortile (50 m x 25 m) circondato da un muro di pietra e controllato all’angolo opposto da un’altra torre più piccola. Nel 1415 in aderenza alla torre viene costruita la sede della Pretura. Nel 1487 i Giramì o Federati, mercenari al seguito dei vallesani che invadono l’Ossola, prima di essere respinti da Renato Trivulzio, danneggiano parte dei fabbricati. Nel corso dei restauri del 2014 sono state individuate tracce dell’antico incendio che ha interessato le travi del tetto della torre. Nel 1625 la parte verso la corte militare è abitata dal Capitano Gian Giacomo Peretti di Finero, che comanda i 105 soldati a difesa della valle.
La famiglia de’ Rubeis si estingue nel settecento e la linea ereditaria passa alla D. (domina) Maria Elisabeth de’ Rubeis (1678-1761), moglie del D. (dominus) Gio Battista de’ Simonis di Vallario.
Il complesso è di grande interesse storico e architettonico, certamente il monumento storico più importante della Valle Vigezzo: il disegno rappresenta il prospetto nel 1909: la struttura originaria è integrata da finiture e decorazioni del XVIII secolo.
Nella casa e nella torre più grande è ora collocata una collezione privata di 141 preziosi disegni che rappresentano rilievi e ricostruzioni di circa cento bellissime antiche case della valle Vigezzo.

Arch. Giovanni Simonis

Turni di visita : ore 10,00 – ore 11,30 – ore 14,00 – ore 15,30, per gruppi di massimo 25 persone.

Ai fini organizzativi è necessaria la prenotazione al cell. 347 8325894.

Visita a contributo libero. Durante l’evento sarà possibile iscriversi al FAI o rinnovare la tessera.

Scopri altri eventi simili!

  • L'angolo dell'alchimista - Casa del Profumo, Santa Maria Maggiore - ph. Susy Mezzanotte
    23-03-2019 10:00 - 23-03-2019 18:00

    Sabato 23 e domenica 24 marzo, in occasione della Settimana Nazionale del Profumo, la visita alla Casa del Profumo Feminis-Farina è dedicata in particolar modo alle famiglie: bambini e ragazzi fino a 18 anni potranno visitare gratuitamente il percorso espositivo dedicato alla storia dell'Acqua di Colonia.

    Nell'occasione sarà visitabile un nuovo allestimento per presentare la Guida al Museo dedicata ai piccoli visitatori della Casa del Profumo e realizzata dal Comune di Santa Maria Maggiore in collaborazione con gli alunni delle scuole elementari di Villette.

    All'interno del negozietto al piano terra troverete proposte speciali con i vostri prodotti preferiti.

    Scopri qui la Casa del Profumo Feminis-Farina.

     

  • Il corso di intaglio su legno alla Scuola di Belle Arti Rossetti Valentini - ph. Maurizio Besana
    23-03-2019 14:00 - 23-03-2019 18:00

    Sabato 2 febbraio parte una nuova edizione del corso di intaglio artistico su legno tenuto da Franco Amodei presso la Scuola di Belle Arti Rossetti Valentini di Santa Maria Maggiore.

    Franco Amodei è uno degli ultimi maestri legnamari di questo lembo di Piemonte: 72 anni, di cui 59 dedicati alla lavorazione del legno, è stato prima falegname sotto padrone e poi artista. Festeggia questi traguardi rinnovando una tradizione che dal 1989 richiama alla Scuola di Belle Arti “Rossetti Valentini” di Santa Maria Maggiore allievi e appassionati desiderosi di apprendere l’arte dell’intaglio su legno.
    Un insegnamento appassionato e gratuito, quello di Franco Amodei, che ha da sempre donato la propria competenza e la propria arte alle decine di allievi passati da questa scuola speciale.

    È senza dubbio un’occasione unica, tanto per la qualità dell’insegnamento, quanto per la sede, l’ultima Scuola di Belle Arti in attività dell’intero arco alpino. La Scuola di Belle Arti "Rossetti Valentini" guarda al futuro con rinnovato entusiasmo grazie alla recente formazione del nuovo Cda presieduto da Giacomo Bonzani e alla proficua collaborazione con il Comune di Santa Maria Maggiore.
    In Valle Vigezzo il legno ha avuto un ruolo fondamentale, in ogni periodo. Fino agli anni ’50 del secolo scorso, ad esempio, a salvare dalla fame molte famiglie furono i mestieri legati alla lavorazione del legno, oggi quasi totalmente scomparsi: dal boscaiolo (mestiere che si praticava da aprile a novembre) al commerciante di legname, dal falegname al maestro legnamaro. Quest'ultimo contribuì con la sua arte ad impreziosire chiese e dimore signorili con altari, crocifissi e mobili di straordinaria bellezza.
    Il corso di intaglio rappresenta dunque un’importante occasione di conoscenza e arricchimento culturale, e permette di mantenere viva una tradizione di manualità e creatività, ponte tra passato, presente e futuro.

    Sabato 2 febbraio 2019 si terrà la prima delle dieci lezioni, in programma ogni sabato, fino al 13 aprile, dalle 14.00 alle 18.00. Il costo del corso, materiale compreso, è di € 220.

    I posti disponibili sono limitati, in quanto la precedenza è data, per il completamento quinquennale della formazione, agli allievi iscritti ai corsi degli anni precedenti.

    Per informazioni e prenotazioni: Comune di Santa Maria Maggiore – 0324/95091-94213 la mattina da lunedì a sabato – e-mail: info@comune.santamariamaggiore.vb.it
    Le iscrizioni verranno accolte fino al numero massimo consentito dagli spazi disponibili, valutati dall’organizzazione della Scuola.
    Chi avesse già frequentato il corso per 5 anni non avrà la possibilità di iscriversi.