Calendario eventi

< 2017 >
Aprile
Lun
Mar
Mer
Gio
Ven
Sab
Dom
marzo
marzo
marzo
marzo
marzo
1
  • Corso di intaglio artistico su legno
    14:00 -18:00
    01-04-2017

    Sabato 4 febbraio parte una nuova edizione del corso di intaglio artistico su legno di tenuto da Franco Amodei.

    Franco Amodei, maestro legnamaro di questo lembo di Piemonte, festeggia quest’anno i suoi 70 anni, di cui 57 dedicati alla lavorazione del legno, prima come falegname sotto padrone e poi come artista. Festeggia questi traguardi rinnovando una tradizione che da anni richiama alla Scuola di Belle Arti “Rossetti Valentini” di Santa Maria Maggiore allievi e appassionati che vogliono apprendere l’arte dell’intaglio su legno.

    Si tratta dunque di un’occasione unica, tanto per la qualità dell’insegnamento, quanto per la sede, l’ultima Scuola di Belle Arti attiva rimasta sull’intero arco alpino.

    Un appuntamento fisso che si rinnova dal 1989, quando il maestro legnamaro Franco Amodei – ultimo grande testimone di questa meravigliosa passione artistica – iniziò a seguire gli allievi in un entusiasmante percorso di conoscenza e pratica.

    I boschi della Valle Vigezzo sono stati nei secoli una risorsa economica fondamentale per il montanaro, che era anche abile artigiano, esperto in ogni settore utile alla vita quotidiana. Fino agli anni ’50, a salvare dalla fame molte famiglie furono, infatti, i mestieri legati alla lavorazione del legno, oggi quasi totalmente scomparsi: dal boscaiolo (mestiere che si praticava da aprile a novembre) al commerciante di legname, dal falegname al maestro legnamaro che contribuì con la sua arte ad impreziosire chiese e dimore signorili con altari, crocifissi e mobili di straordinaria bellezza.

    Riparte sabato 4 febbraio il corso di intaglio del legno alla Scuola di Belle Arti “Rossetti Valentini” di Santa Maria Maggiore: un’arte preziosa, vanto della Valle Vigezzo, le cui origini risalgono addirittura al XII secolo: sono antichi i tempi in cui in questa valle cominciò a diffondersi la tradizione della lavorazione del legno, che ha sempre avuto una duplice valenza, pratica e ornamentale.

    Il corso alla Scuola di Belle Arti rappresenta dunque un’importante occasione di conoscenza e arricchimento culturale aperta a tutti, che permette di mantenere viva una tradizione di manualità e creatività, ponte tra passato, presente e futuro.

    Sabato 4 febbraio 2017 si terrà la prima delle undici lezioni, in programma ogni sabato dalle 14.00 alle 18.00, fino al 15 aprile 2017. Il costo del corso, materiale compreso, è di € 200.

    Per informazioni e prenotazioni: Scuola di Belle Arti “Rossetti Valentini” – Via Rossetti Valentini, 1 – Santa Maria Maggiore (VB) – tel. 336 236151 – e-mail: scuolarossettivalentini@gmail.com

2
3
4
5
6
7
8
  • Corso di intaglio artistico su legno
    14:00 -18:00
    08-04-2017

    Sabato 4 febbraio parte una nuova edizione del corso di intaglio artistico su legno di tenuto da Franco Amodei.

    Franco Amodei, maestro legnamaro di questo lembo di Piemonte, festeggia quest’anno i suoi 70 anni, di cui 57 dedicati alla lavorazione del legno, prima come falegname sotto padrone e poi come artista. Festeggia questi traguardi rinnovando una tradizione che da anni richiama alla Scuola di Belle Arti “Rossetti Valentini” di Santa Maria Maggiore allievi e appassionati che vogliono apprendere l’arte dell’intaglio su legno.

    Si tratta dunque di un’occasione unica, tanto per la qualità dell’insegnamento, quanto per la sede, l’ultima Scuola di Belle Arti attiva rimasta sull’intero arco alpino.

    Un appuntamento fisso che si rinnova dal 1989, quando il maestro legnamaro Franco Amodei – ultimo grande testimone di questa meravigliosa passione artistica – iniziò a seguire gli allievi in un entusiasmante percorso di conoscenza e pratica.

    I boschi della Valle Vigezzo sono stati nei secoli una risorsa economica fondamentale per il montanaro, che era anche abile artigiano, esperto in ogni settore utile alla vita quotidiana. Fino agli anni ’50, a salvare dalla fame molte famiglie furono, infatti, i mestieri legati alla lavorazione del legno, oggi quasi totalmente scomparsi: dal boscaiolo (mestiere che si praticava da aprile a novembre) al commerciante di legname, dal falegname al maestro legnamaro che contribuì con la sua arte ad impreziosire chiese e dimore signorili con altari, crocifissi e mobili di straordinaria bellezza.

    Riparte sabato 4 febbraio il corso di intaglio del legno alla Scuola di Belle Arti “Rossetti Valentini” di Santa Maria Maggiore: un’arte preziosa, vanto della Valle Vigezzo, le cui origini risalgono addirittura al XII secolo: sono antichi i tempi in cui in questa valle cominciò a diffondersi la tradizione della lavorazione del legno, che ha sempre avuto una duplice valenza, pratica e ornamentale.

    Il corso alla Scuola di Belle Arti rappresenta dunque un’importante occasione di conoscenza e arricchimento culturale aperta a tutti, che permette di mantenere viva una tradizione di manualità e creatività, ponte tra passato, presente e futuro.

    Sabato 4 febbraio 2017 si terrà la prima delle undici lezioni, in programma ogni sabato dalle 14.00 alle 18.00, fino al 15 aprile 2017. Il costo del corso, materiale compreso, è di € 200.

    Per informazioni e prenotazioni: Scuola di Belle Arti “Rossetti Valentini” – Via Rossetti Valentini, 1 – Santa Maria Maggiore (VB) – tel. 336 236151 – e-mail: scuolarossettivalentini@gmail.com

9
  • Mostra del capretto tipico vigezzino
    09:00 -17:00
    09-04-2017

    La Mostra del capretto tipico vigezzino - Ph. Studio RDS

    Santa Maria Maggiore inaugura la propria stagione turistica 2017 con una serie di appuntamenti legati alle tradizioni più autentiche e genuine delle Alpi, dedicati a grandi e piccini, che si svolgeranno tra la Domenica delle Palme e Pasquetta.

    La mostra del capretto tipico vigezzino – Foto Studio RDS

    A partire dalla Mostra del capretto tipico vigezzino, organizzata da 27 anni a Santa Maria Maggiore dal Consorzio Agricoltori ed Allevatori della Valle Vigezzo. Quest’anno in programma domenica 9 aprile, la manifestazione si svolgerà presso l’area del Centro del Fondo e rappresenterà anche un momento fondamentale di incontro tra gli allevatori per valorizzare sempre più quello un settore importantissimo per l’intera valle piemontese. L’allevamento caprino è infatti da sempre una componente fondamentale dell’economia rurale vigezzina e delle relative produzioni, che hanno avuto nella creazione del marchio e del caseificio di valle i momenti più importanti.

    Saranno presenti trenta allevatori, parte del Consorzio che tutela l’eccellenza del prodotto e che si fregia del PAT. Il marchio valorizza i “Prodotti Agroalimentari Tradizionali”, riconoscimento regionale a conferma dell’alta qualità del capretto vigezzino, allevato secondo rigidi dettami e dal sapore decisamente più delicato rispetto alla concorrenza più industriale.

    La Domenica delle Palme “rurale” inizierà alle ore 9, presso il Centro del Fondo di Santa Maria Maggiore, all’ingresso del capoluogo vigezzino. Sarà il momento di inizio del raduno, con la raccolta dei capi allevati nella valle ossolana.

    Alle ore 10 apriranno poi le aree espositive, frequentatissime dai più piccoli per avvicinare e accarezzare i piccoli capretti.

    Alle ore 11 inizierà la valutazione dei capi esposti e alle 11.30 si potrà prendere parte alla degustazione e scoprire i tanti prodotti tipici, rigorosamente a km 0, in vendita presso l’area del Centro del Fondo.

    La mungitura – Foto Studio RDS

    Sarà anche un percorso nel gusto: dai formaggi caprini e ovini ai violini di capra, le cosce salate e stagionate, da consumare come un prosciutto crudo. Una produzione tipicamente autunnale, questa, attraverso un accurato lavoro di stagionatura e arricchimento con pepe, cannella, alloro e rosmarino.

    Dalle ore 12 partirà la contrattazione dei capretti, seguita da un gustoso pranzo tipico, alle 12.30, presso l’area coperta del Centro del Fondo a cura dei Gruppi Alpini della Valle Vigezzo.

    Dalle 14.30 inizieranno le attività più attese dai bambini, ovvero le dimostrazioni di mungitura e le prove aperte ai più piccoli, bimbi fino a 12 anni, che potranno così cimentarsi in un lavoro strettamente legato a questo lembo di Piemonte alpino.

10
11
12
13
14
15
  • Corso di intaglio artistico su legno
    14:00 -18:00
    15-04-2017

    Sabato 4 febbraio parte una nuova edizione del corso di intaglio artistico su legno di tenuto da Franco Amodei.

    Franco Amodei, maestro legnamaro di questo lembo di Piemonte, festeggia quest’anno i suoi 70 anni, di cui 57 dedicati alla lavorazione del legno, prima come falegname sotto padrone e poi come artista. Festeggia questi traguardi rinnovando una tradizione che da anni richiama alla Scuola di Belle Arti “Rossetti Valentini” di Santa Maria Maggiore allievi e appassionati che vogliono apprendere l’arte dell’intaglio su legno.

    Si tratta dunque di un’occasione unica, tanto per la qualità dell’insegnamento, quanto per la sede, l’ultima Scuola di Belle Arti attiva rimasta sull’intero arco alpino.

    Un appuntamento fisso che si rinnova dal 1989, quando il maestro legnamaro Franco Amodei – ultimo grande testimone di questa meravigliosa passione artistica – iniziò a seguire gli allievi in un entusiasmante percorso di conoscenza e pratica.

    I boschi della Valle Vigezzo sono stati nei secoli una risorsa economica fondamentale per il montanaro, che era anche abile artigiano, esperto in ogni settore utile alla vita quotidiana. Fino agli anni ’50, a salvare dalla fame molte famiglie furono, infatti, i mestieri legati alla lavorazione del legno, oggi quasi totalmente scomparsi: dal boscaiolo (mestiere che si praticava da aprile a novembre) al commerciante di legname, dal falegname al maestro legnamaro che contribuì con la sua arte ad impreziosire chiese e dimore signorili con altari, crocifissi e mobili di straordinaria bellezza.

    Riparte sabato 4 febbraio il corso di intaglio del legno alla Scuola di Belle Arti “Rossetti Valentini” di Santa Maria Maggiore: un’arte preziosa, vanto della Valle Vigezzo, le cui origini risalgono addirittura al XII secolo: sono antichi i tempi in cui in questa valle cominciò a diffondersi la tradizione della lavorazione del legno, che ha sempre avuto una duplice valenza, pratica e ornamentale.

    Il corso alla Scuola di Belle Arti rappresenta dunque un’importante occasione di conoscenza e arricchimento culturale aperta a tutti, che permette di mantenere viva una tradizione di manualità e creatività, ponte tra passato, presente e futuro.

    Sabato 4 febbraio 2017 si terrà la prima delle undici lezioni, in programma ogni sabato dalle 14.00 alle 18.00, fino al 15 aprile 2017. Il costo del corso, materiale compreso, è di € 200.

    Per informazioni e prenotazioni: Scuola di Belle Arti “Rossetti Valentini” – Via Rossetti Valentini, 1 – Santa Maria Maggiore (VB) – tel. 336 236151 – e-mail: scuolarossettivalentini@gmail.com

  • Inaugurazione mostra “Materia e pensiero nei bronzi di Luigi Randi”
    17:30 -19:00
    15-04-2017

    Sabato 15 aprile alle ore 17.30 al Centro Culturale Vecchio Municipio, in Piazza Risorgimento, inaugurazione della mostra Materia e pensiero nei bronzi di Luigi Randi.

    Un percorso tra decine di opere dell’artista lombardo, che porterà per la prima volta nella Valle dei pittori una singolare rassegna di lavori realizzati nel corso degli anni e incentrati sul rapporto tra materia e pensiero.

    Con la mostra pasquale presentata quest’anno, l’Amministrazione comunale di Santa Maria Maggiore intende far conoscere la figura affascinante e solitaria di uno scultore che ha frequentato per molti anni Santa Maria Maggiore insieme con la sua numerosa famiglia: Luigi Randi.
    L’esposizione si inserisce in quel filone innovativo e, a tratti, irriverente dell’arte, nella cui costruzione il Comune si è voluto impegnare, con l’intento di dilatare il concetto di “storia dell’arte locale” fino a renderne partecipi tutti coloro che, figurativi o astrattisti, scultori o fotografi o pittori, residenti o turisti di lungo corso, hanno contribuito, con le loro opere, ad arricchirla di significati, di tematiche e di tecniche.
    Il critico Carlo Munari, il cui saggio costituisce il testo che accompagna l’opuscolo a corredo della mostra, descrivendo il “messaggio” di Luigi Randi, richiama la locuzione latina castigare ridendo mores (correggere i costumi ridendo), vale a dire quella manifestazione di pensiero di altissimo livello che, nei tempi, si è addossata il compito di indicare alla pubblica opinione, attraverso il sorriso, aspetti criticabili o esecrabili della società, al fine di ottenere una riflessione etica “correttiva” verso il bene.
    In effetti, se alcune opere esprimono amarezza e tormento, altre, più impertinenti e sarcastiche, conducono il riguardante ad una riflessione più irrisoria, più divertita.
    Un caloroso ringraziamento va alla famiglia Randi, in particolare a Piero, Paola e Martino, per aver sottoposto alla nostra attenzione l’idea di questa mostra, per l’intenso coinvolgimento dimostrato e per aver dato al pubblico l’opportunità di conoscere un artista originale e “appartato”.

    Il Sindaco
    Claudio Cottini

    La mostra, a ingresso libero, è aperta tutti i giorni fino al 23 aprile dalle ore 10.00 alle ore 12.00 e dalle ore 16.30 alle ore 19.00.
    Sarà poi visitabile in tutti i fine settimana fino al 4 giugno con gli stessi orari di visita.

16
  • Mostra “Materia e pensiero nei bronzi di Luigi Randi”
    10:00 -19:00
    16-04-2017-25-04-2017

    Fino a martedì 25 aprile al Centro Culturale Vecchio Municipio, in Piazza Risorgimento, sarà visitabile, a ingresso libero, la mostra Materia e pensiero nei bronzi di Luigi Randi.

    Un percorso tra decine di opere dell’artista lombardo, che porterà per la prima volta nella Valle dei pittori una singolare rassegna di lavori realizzati nel corso degli anni e incentrati sul rapporto tra materia e pensiero.

    Con la mostra pasquale presentata quest’anno, l’Amministrazione comunale di Santa Maria Maggiore intende far conoscere la figura affascinante e solitaria di uno scultore che ha frequentato per molti anni Santa Maria Maggiore insieme con la sua numerosa famiglia: Luigi Randi.
    L’esposizione si inserisce in quel filone innovativo e, a tratti, irriverente dell’arte, nella cui costruzione il Comune si è voluto impegnare, con l’intento di dilatare il concetto di “storia dell’arte locale” fino a renderne partecipi tutti coloro che, figurativi o astrattisti, scultori o fotografi o pittori, residenti o turisti di lungo corso, hanno contribuito, con le loro opere, ad arricchirla di significati, di tematiche e di tecniche.
    Il critico Carlo Munari, il cui saggio costituisce il testo che accompagna l’opuscolo a corredo della mostra, descrivendo il “messaggio” di Luigi Randi, richiama la locuzione latina castigare ridendo mores (correggere i costumi ridendo), vale a dire quella manifestazione di pensiero di altissimo livello che, nei tempi, si è addossata il compito di indicare alla pubblica opinione, attraverso il sorriso, aspetti criticabili o esecrabili della società, al fine di ottenere una riflessione etica “correttiva” verso il bene.
    In effetti, se alcune opere esprimono amarezza e tormento, altre, più impertinenti e sarcastiche, conducono il riguardante ad una riflessione più irrisoria, più divertita.
    Un caloroso ringraziamento va alla famiglia Randi, in particolare a Piero, Paola e Martino, per aver sottoposto alla nostra attenzione l’idea di questa mostra, per l’intenso coinvolgimento dimostrato e per aver dato al pubblico l’opportunità di conoscere un artista originale e “appartato”.

    Il Sindaco
    Claudio Cottini

    La mostra è aperta tutti i giorni fino al 23 aprile dalle ore 10.00 alle ore 12.00 e dalle ore 16.30 alle ore 19.00.
    Sarà poi visitabile in tutti i fine settimana fino al 4 giugno con gli stessi orari di visita.

17
  • S…cova l’ova
    09:30 -12:30
    17-04-2017

    S...cova l'ova a Santa Maria Maggiore - Ph. Gianluca Barlacchi

    Nella giornata di Pasquetta, lunedì 17 aprile, torna un appuntamento fisso, che negli anni è cresciuto richiamando un numero sempre più alto di piccoli “cercatori di uova”.  È “S…cova l’ova”, il simpatico gioco gratuito per bimbi fino a 12 anni d’età, che, accompagnati dai propri genitori, prenderanno parte ad una vera e propria caccia alle uova.

    S…cova l’ova – ph. Giulia Zanoletti

    Il lunedì di Pasqua il centro storico di Santa Maria Maggiore si trasforma da diversi anni nell’originale palcoscenico di un grande gioco: decine di uova posizionate negli angoli più nascosti del paese, una carica di oltre trecento bimbi, regali per tutti e un premio speciale per chi riuscirà a trovare lo speciale ovo d’oro.
    Tra case dipinte, ville signorili, musei, chiese e il parco di Villa Antonia, i bimbi dovranno essere rapidissimi nella ricerca: avranno a disposizione 90 minuti per trovare il maggior numero di ovetti. Un’occasione curiosa e divertente, questa, anche per chi vorrà visitare e scoprire per la prima volta, e in modo assolutamente non convenzionale, il centro storico del capoluogo vigezzino.

    Al termine delle premiazioni, un momento aperto a tutti, tra gusto e musica. Un aperitivo molto speciale, rigorosamente a base di uova, e non potrebbe essere altrimenti: frittate e omelette, dunque, nella Sala Mandamentale del Vecchio Municipio.

    E in piazza Risorgimento, ad accompagnare grandi e piccini durante la degustazione, l’esibizione live del Modern Sax Quartet, con musiche e melodie jazz.

  • Mostra “Materia e pensiero nei bronzi di Luigi Randi”
    10:00 -19:00
    16-04-2017-25-04-2017

    Fino a martedì 25 aprile al Centro Culturale Vecchio Municipio, in Piazza Risorgimento, sarà visitabile, a ingresso libero, la mostra Materia e pensiero nei bronzi di Luigi Randi.

    Un percorso tra decine di opere dell’artista lombardo, che porterà per la prima volta nella Valle dei pittori una singolare rassegna di lavori realizzati nel corso degli anni e incentrati sul rapporto tra materia e pensiero.

    Con la mostra pasquale presentata quest’anno, l’Amministrazione comunale di Santa Maria Maggiore intende far conoscere la figura affascinante e solitaria di uno scultore che ha frequentato per molti anni Santa Maria Maggiore insieme con la sua numerosa famiglia: Luigi Randi.
    L’esposizione si inserisce in quel filone innovativo e, a tratti, irriverente dell’arte, nella cui costruzione il Comune si è voluto impegnare, con l’intento di dilatare il concetto di “storia dell’arte locale” fino a renderne partecipi tutti coloro che, figurativi o astrattisti, scultori o fotografi o pittori, residenti o turisti di lungo corso, hanno contribuito, con le loro opere, ad arricchirla di significati, di tematiche e di tecniche.
    Il critico Carlo Munari, il cui saggio costituisce il testo che accompagna l’opuscolo a corredo della mostra, descrivendo il “messaggio” di Luigi Randi, richiama la locuzione latina castigare ridendo mores (correggere i costumi ridendo), vale a dire quella manifestazione di pensiero di altissimo livello che, nei tempi, si è addossata il compito di indicare alla pubblica opinione, attraverso il sorriso, aspetti criticabili o esecrabili della società, al fine di ottenere una riflessione etica “correttiva” verso il bene.
    In effetti, se alcune opere esprimono amarezza e tormento, altre, più impertinenti e sarcastiche, conducono il riguardante ad una riflessione più irrisoria, più divertita.
    Un caloroso ringraziamento va alla famiglia Randi, in particolare a Piero, Paola e Martino, per aver sottoposto alla nostra attenzione l’idea di questa mostra, per l’intenso coinvolgimento dimostrato e per aver dato al pubblico l’opportunità di conoscere un artista originale e “appartato”.

    Il Sindaco
    Claudio Cottini

    La mostra è aperta tutti i giorni fino al 23 aprile dalle ore 10.00 alle ore 12.00 e dalle ore 16.30 alle ore 19.00.
    Sarà poi visitabile in tutti i fine settimana fino al 4 giugno con gli stessi orari di visita.

18
  • Mostra “Materia e pensiero nei bronzi di Luigi Randi”
    10:00 -19:00
    16-04-2017-25-04-2017

    Fino a martedì 25 aprile al Centro Culturale Vecchio Municipio, in Piazza Risorgimento, sarà visitabile, a ingresso libero, la mostra Materia e pensiero nei bronzi di Luigi Randi.

    Un percorso tra decine di opere dell’artista lombardo, che porterà per la prima volta nella Valle dei pittori una singolare rassegna di lavori realizzati nel corso degli anni e incentrati sul rapporto tra materia e pensiero.

    Con la mostra pasquale presentata quest’anno, l’Amministrazione comunale di Santa Maria Maggiore intende far conoscere la figura affascinante e solitaria di uno scultore che ha frequentato per molti anni Santa Maria Maggiore insieme con la sua numerosa famiglia: Luigi Randi.
    L’esposizione si inserisce in quel filone innovativo e, a tratti, irriverente dell’arte, nella cui costruzione il Comune si è voluto impegnare, con l’intento di dilatare il concetto di “storia dell’arte locale” fino a renderne partecipi tutti coloro che, figurativi o astrattisti, scultori o fotografi o pittori, residenti o turisti di lungo corso, hanno contribuito, con le loro opere, ad arricchirla di significati, di tematiche e di tecniche.
    Il critico Carlo Munari, il cui saggio costituisce il testo che accompagna l’opuscolo a corredo della mostra, descrivendo il “messaggio” di Luigi Randi, richiama la locuzione latina castigare ridendo mores (correggere i costumi ridendo), vale a dire quella manifestazione di pensiero di altissimo livello che, nei tempi, si è addossata il compito di indicare alla pubblica opinione, attraverso il sorriso, aspetti criticabili o esecrabili della società, al fine di ottenere una riflessione etica “correttiva” verso il bene.
    In effetti, se alcune opere esprimono amarezza e tormento, altre, più impertinenti e sarcastiche, conducono il riguardante ad una riflessione più irrisoria, più divertita.
    Un caloroso ringraziamento va alla famiglia Randi, in particolare a Piero, Paola e Martino, per aver sottoposto alla nostra attenzione l’idea di questa mostra, per l’intenso coinvolgimento dimostrato e per aver dato al pubblico l’opportunità di conoscere un artista originale e “appartato”.

    Il Sindaco
    Claudio Cottini

    La mostra è aperta tutti i giorni fino al 23 aprile dalle ore 10.00 alle ore 12.00 e dalle ore 16.30 alle ore 19.00.
    Sarà poi visitabile in tutti i fine settimana fino al 4 giugno con gli stessi orari di visita.

19
  • Mostra “Materia e pensiero nei bronzi di Luigi Randi”
    10:00 -19:00
    16-04-2017-25-04-2017

    Fino a martedì 25 aprile al Centro Culturale Vecchio Municipio, in Piazza Risorgimento, sarà visitabile, a ingresso libero, la mostra Materia e pensiero nei bronzi di Luigi Randi.

    Un percorso tra decine di opere dell’artista lombardo, che porterà per la prima volta nella Valle dei pittori una singolare rassegna di lavori realizzati nel corso degli anni e incentrati sul rapporto tra materia e pensiero.

    Con la mostra pasquale presentata quest’anno, l’Amministrazione comunale di Santa Maria Maggiore intende far conoscere la figura affascinante e solitaria di uno scultore che ha frequentato per molti anni Santa Maria Maggiore insieme con la sua numerosa famiglia: Luigi Randi.
    L’esposizione si inserisce in quel filone innovativo e, a tratti, irriverente dell’arte, nella cui costruzione il Comune si è voluto impegnare, con l’intento di dilatare il concetto di “storia dell’arte locale” fino a renderne partecipi tutti coloro che, figurativi o astrattisti, scultori o fotografi o pittori, residenti o turisti di lungo corso, hanno contribuito, con le loro opere, ad arricchirla di significati, di tematiche e di tecniche.
    Il critico Carlo Munari, il cui saggio costituisce il testo che accompagna l’opuscolo a corredo della mostra, descrivendo il “messaggio” di Luigi Randi, richiama la locuzione latina castigare ridendo mores (correggere i costumi ridendo), vale a dire quella manifestazione di pensiero di altissimo livello che, nei tempi, si è addossata il compito di indicare alla pubblica opinione, attraverso il sorriso, aspetti criticabili o esecrabili della società, al fine di ottenere una riflessione etica “correttiva” verso il bene.
    In effetti, se alcune opere esprimono amarezza e tormento, altre, più impertinenti e sarcastiche, conducono il riguardante ad una riflessione più irrisoria, più divertita.
    Un caloroso ringraziamento va alla famiglia Randi, in particolare a Piero, Paola e Martino, per aver sottoposto alla nostra attenzione l’idea di questa mostra, per l’intenso coinvolgimento dimostrato e per aver dato al pubblico l’opportunità di conoscere un artista originale e “appartato”.

    Il Sindaco
    Claudio Cottini

    La mostra è aperta tutti i giorni fino al 23 aprile dalle ore 10.00 alle ore 12.00 e dalle ore 16.30 alle ore 19.00.
    Sarà poi visitabile in tutti i fine settimana fino al 4 giugno con gli stessi orari di visita.

20
  • Mostra “Materia e pensiero nei bronzi di Luigi Randi”
    10:00 -19:00
    16-04-2017-25-04-2017

    Fino a martedì 25 aprile al Centro Culturale Vecchio Municipio, in Piazza Risorgimento, sarà visitabile, a ingresso libero, la mostra Materia e pensiero nei bronzi di Luigi Randi.

    Un percorso tra decine di opere dell’artista lombardo, che porterà per la prima volta nella Valle dei pittori una singolare rassegna di lavori realizzati nel corso degli anni e incentrati sul rapporto tra materia e pensiero.

    Con la mostra pasquale presentata quest’anno, l’Amministrazione comunale di Santa Maria Maggiore intende far conoscere la figura affascinante e solitaria di uno scultore che ha frequentato per molti anni Santa Maria Maggiore insieme con la sua numerosa famiglia: Luigi Randi.
    L’esposizione si inserisce in quel filone innovativo e, a tratti, irriverente dell’arte, nella cui costruzione il Comune si è voluto impegnare, con l’intento di dilatare il concetto di “storia dell’arte locale” fino a renderne partecipi tutti coloro che, figurativi o astrattisti, scultori o fotografi o pittori, residenti o turisti di lungo corso, hanno contribuito, con le loro opere, ad arricchirla di significati, di tematiche e di tecniche.
    Il critico Carlo Munari, il cui saggio costituisce il testo che accompagna l’opuscolo a corredo della mostra, descrivendo il “messaggio” di Luigi Randi, richiama la locuzione latina castigare ridendo mores (correggere i costumi ridendo), vale a dire quella manifestazione di pensiero di altissimo livello che, nei tempi, si è addossata il compito di indicare alla pubblica opinione, attraverso il sorriso, aspetti criticabili o esecrabili della società, al fine di ottenere una riflessione etica “correttiva” verso il bene.
    In effetti, se alcune opere esprimono amarezza e tormento, altre, più impertinenti e sarcastiche, conducono il riguardante ad una riflessione più irrisoria, più divertita.
    Un caloroso ringraziamento va alla famiglia Randi, in particolare a Piero, Paola e Martino, per aver sottoposto alla nostra attenzione l’idea di questa mostra, per l’intenso coinvolgimento dimostrato e per aver dato al pubblico l’opportunità di conoscere un artista originale e “appartato”.

    Il Sindaco
    Claudio Cottini

    La mostra è aperta tutti i giorni fino al 23 aprile dalle ore 10.00 alle ore 12.00 e dalle ore 16.30 alle ore 19.00.
    Sarà poi visitabile in tutti i fine settimana fino al 4 giugno con gli stessi orari di visita.

21
  • Mostra “Materia e pensiero nei bronzi di Luigi Randi”
    10:00 -19:00
    16-04-2017-25-04-2017

    Fino a martedì 25 aprile al Centro Culturale Vecchio Municipio, in Piazza Risorgimento, sarà visitabile, a ingresso libero, la mostra Materia e pensiero nei bronzi di Luigi Randi.

    Un percorso tra decine di opere dell’artista lombardo, che porterà per la prima volta nella Valle dei pittori una singolare rassegna di lavori realizzati nel corso degli anni e incentrati sul rapporto tra materia e pensiero.

    Con la mostra pasquale presentata quest’anno, l’Amministrazione comunale di Santa Maria Maggiore intende far conoscere la figura affascinante e solitaria di uno scultore che ha frequentato per molti anni Santa Maria Maggiore insieme con la sua numerosa famiglia: Luigi Randi.
    L’esposizione si inserisce in quel filone innovativo e, a tratti, irriverente dell’arte, nella cui costruzione il Comune si è voluto impegnare, con l’intento di dilatare il concetto di “storia dell’arte locale” fino a renderne partecipi tutti coloro che, figurativi o astrattisti, scultori o fotografi o pittori, residenti o turisti di lungo corso, hanno contribuito, con le loro opere, ad arricchirla di significati, di tematiche e di tecniche.
    Il critico Carlo Munari, il cui saggio costituisce il testo che accompagna l’opuscolo a corredo della mostra, descrivendo il “messaggio” di Luigi Randi, richiama la locuzione latina castigare ridendo mores (correggere i costumi ridendo), vale a dire quella manifestazione di pensiero di altissimo livello che, nei tempi, si è addossata il compito di indicare alla pubblica opinione, attraverso il sorriso, aspetti criticabili o esecrabili della società, al fine di ottenere una riflessione etica “correttiva” verso il bene.
    In effetti, se alcune opere esprimono amarezza e tormento, altre, più impertinenti e sarcastiche, conducono il riguardante ad una riflessione più irrisoria, più divertita.
    Un caloroso ringraziamento va alla famiglia Randi, in particolare a Piero, Paola e Martino, per aver sottoposto alla nostra attenzione l’idea di questa mostra, per l’intenso coinvolgimento dimostrato e per aver dato al pubblico l’opportunità di conoscere un artista originale e “appartato”.

    Il Sindaco
    Claudio Cottini

    La mostra è aperta tutti i giorni fino al 23 aprile dalle ore 10.00 alle ore 12.00 e dalle ore 16.30 alle ore 19.00.
    Sarà poi visitabile in tutti i fine settimana fino al 4 giugno con gli stessi orari di visita.

22
  • Mostra “Materia e pensiero nei bronzi di Luigi Randi”
    10:00 -19:00
    16-04-2017-25-04-2017

    Fino a martedì 25 aprile al Centro Culturale Vecchio Municipio, in Piazza Risorgimento, sarà visitabile, a ingresso libero, la mostra Materia e pensiero nei bronzi di Luigi Randi.

    Un percorso tra decine di opere dell’artista lombardo, che porterà per la prima volta nella Valle dei pittori una singolare rassegna di lavori realizzati nel corso degli anni e incentrati sul rapporto tra materia e pensiero.

    Con la mostra pasquale presentata quest’anno, l’Amministrazione comunale di Santa Maria Maggiore intende far conoscere la figura affascinante e solitaria di uno scultore che ha frequentato per molti anni Santa Maria Maggiore insieme con la sua numerosa famiglia: Luigi Randi.
    L’esposizione si inserisce in quel filone innovativo e, a tratti, irriverente dell’arte, nella cui costruzione il Comune si è voluto impegnare, con l’intento di dilatare il concetto di “storia dell’arte locale” fino a renderne partecipi tutti coloro che, figurativi o astrattisti, scultori o fotografi o pittori, residenti o turisti di lungo corso, hanno contribuito, con le loro opere, ad arricchirla di significati, di tematiche e di tecniche.
    Il critico Carlo Munari, il cui saggio costituisce il testo che accompagna l’opuscolo a corredo della mostra, descrivendo il “messaggio” di Luigi Randi, richiama la locuzione latina castigare ridendo mores (correggere i costumi ridendo), vale a dire quella manifestazione di pensiero di altissimo livello che, nei tempi, si è addossata il compito di indicare alla pubblica opinione, attraverso il sorriso, aspetti criticabili o esecrabili della società, al fine di ottenere una riflessione etica “correttiva” verso il bene.
    In effetti, se alcune opere esprimono amarezza e tormento, altre, più impertinenti e sarcastiche, conducono il riguardante ad una riflessione più irrisoria, più divertita.
    Un caloroso ringraziamento va alla famiglia Randi, in particolare a Piero, Paola e Martino, per aver sottoposto alla nostra attenzione l’idea di questa mostra, per l’intenso coinvolgimento dimostrato e per aver dato al pubblico l’opportunità di conoscere un artista originale e “appartato”.

    Il Sindaco
    Claudio Cottini

    La mostra è aperta tutti i giorni fino al 23 aprile dalle ore 10.00 alle ore 12.00 e dalle ore 16.30 alle ore 19.00.
    Sarà poi visitabile in tutti i fine settimana fino al 4 giugno con gli stessi orari di visita.

  • Impara l’arte e mettila da parte
    10:30 -18:00
    22-04-2017-25-04-2017

    Siete appassionati di arte e avete in programma di trascorrere qualche giorno a Santa Maria Maggiore nei prossimi ponti primaverili?

    Allora non potrete perdere l’occasione di visitare la Scuola di Belle Arti Rossetti Valentini, con la nuova selezione di opere della collezione permanente!

    La Scuola è aperta da sabato 22 a martedì 25 aprile e da sabato 29 aprile a lunedì 1 maggio dalle ore 10.30 alle ore 12.30 e dalle ore 15 alle ore 18.

    Il biglietto di ingresso per la Scuola di Belle Arti Rossetti Valentini costa solo € 2!

    In più, un’altra novità che vi coinvolge in prima persona: scattatevi un selfie davanti all’opera che preferite, inviatecelo via mail o caricatelo sulla nostra pagina Facebook con l’hashtag #soloasanta. Utilizzeremo le vostre foto per  realizzare una simpatica “mostra nella mostra”!

    Inviate il vostro selfie all’indirizzo info@comune.santamariamaggiore.vb.it oppure caricatelo sulla nostra pagina Facebook ufficiale!

  • Serate di gola all’Hotel Ristorante Miramonti
    19:30 -23:00
    22-04-2017
    "Serate di gola" all'Hotel Ristorante Miramonti - ph. Susy Mezzanotte

    All’Hotel Ristorante Miramonti sabato 22 aprile primo appuntamento con Serate di Gola 2017: cena gastronomica con golosi prodotti a km zero (bresaola, miele, formaggi di capra, piccoli frutti), con l’intervento di esperti e produttori.

     

23
  • Mostra “Materia e pensiero nei bronzi di Luigi Randi”
    10:00 -19:00
    16-04-2017-25-04-2017

    Fino a martedì 25 aprile al Centro Culturale Vecchio Municipio, in Piazza Risorgimento, sarà visitabile, a ingresso libero, la mostra Materia e pensiero nei bronzi di Luigi Randi.

    Un percorso tra decine di opere dell’artista lombardo, che porterà per la prima volta nella Valle dei pittori una singolare rassegna di lavori realizzati nel corso degli anni e incentrati sul rapporto tra materia e pensiero.

    Con la mostra pasquale presentata quest’anno, l’Amministrazione comunale di Santa Maria Maggiore intende far conoscere la figura affascinante e solitaria di uno scultore che ha frequentato per molti anni Santa Maria Maggiore insieme con la sua numerosa famiglia: Luigi Randi.
    L’esposizione si inserisce in quel filone innovativo e, a tratti, irriverente dell’arte, nella cui costruzione il Comune si è voluto impegnare, con l’intento di dilatare il concetto di “storia dell’arte locale” fino a renderne partecipi tutti coloro che, figurativi o astrattisti, scultori o fotografi o pittori, residenti o turisti di lungo corso, hanno contribuito, con le loro opere, ad arricchirla di significati, di tematiche e di tecniche.
    Il critico Carlo Munari, il cui saggio costituisce il testo che accompagna l’opuscolo a corredo della mostra, descrivendo il “messaggio” di Luigi Randi, richiama la locuzione latina castigare ridendo mores (correggere i costumi ridendo), vale a dire quella manifestazione di pensiero di altissimo livello che, nei tempi, si è addossata il compito di indicare alla pubblica opinione, attraverso il sorriso, aspetti criticabili o esecrabili della società, al fine di ottenere una riflessione etica “correttiva” verso il bene.
    In effetti, se alcune opere esprimono amarezza e tormento, altre, più impertinenti e sarcastiche, conducono il riguardante ad una riflessione più irrisoria, più divertita.
    Un caloroso ringraziamento va alla famiglia Randi, in particolare a Piero, Paola e Martino, per aver sottoposto alla nostra attenzione l’idea di questa mostra, per l’intenso coinvolgimento dimostrato e per aver dato al pubblico l’opportunità di conoscere un artista originale e “appartato”.

    Il Sindaco
    Claudio Cottini

    La mostra è aperta tutti i giorni fino al 23 aprile dalle ore 10.00 alle ore 12.00 e dalle ore 16.30 alle ore 19.00.
    Sarà poi visitabile in tutti i fine settimana fino al 4 giugno con gli stessi orari di visita.

  • Impara l’arte e mettila da parte
    10:30 -18:00
    22-04-2017-25-04-2017

    Siete appassionati di arte e avete in programma di trascorrere qualche giorno a Santa Maria Maggiore nei prossimi ponti primaverili?

    Allora non potrete perdere l’occasione di visitare la Scuola di Belle Arti Rossetti Valentini, con la nuova selezione di opere della collezione permanente!

    La Scuola è aperta da sabato 22 a martedì 25 aprile e da sabato 29 aprile a lunedì 1 maggio dalle ore 10.30 alle ore 12.30 e dalle ore 15 alle ore 18.

    Il biglietto di ingresso per la Scuola di Belle Arti Rossetti Valentini costa solo € 2!

    In più, un’altra novità che vi coinvolge in prima persona: scattatevi un selfie davanti all’opera che preferite, inviatecelo via mail o caricatelo sulla nostra pagina Facebook con l’hashtag #soloasanta. Utilizzeremo le vostre foto per  realizzare una simpatica “mostra nella mostra”!

    Inviate il vostro selfie all’indirizzo info@comune.santamariamaggiore.vb.it oppure caricatelo sulla nostra pagina Facebook ufficiale!

24
  • Mostra “Materia e pensiero nei bronzi di Luigi Randi”
    10:00 -19:00
    16-04-2017-25-04-2017

    Fino a martedì 25 aprile al Centro Culturale Vecchio Municipio, in Piazza Risorgimento, sarà visitabile, a ingresso libero, la mostra Materia e pensiero nei bronzi di Luigi Randi.

    Un percorso tra decine di opere dell’artista lombardo, che porterà per la prima volta nella Valle dei pittori una singolare rassegna di lavori realizzati nel corso degli anni e incentrati sul rapporto tra materia e pensiero.

    Con la mostra pasquale presentata quest’anno, l’Amministrazione comunale di Santa Maria Maggiore intende far conoscere la figura affascinante e solitaria di uno scultore che ha frequentato per molti anni Santa Maria Maggiore insieme con la sua numerosa famiglia: Luigi Randi.
    L’esposizione si inserisce in quel filone innovativo e, a tratti, irriverente dell’arte, nella cui costruzione il Comune si è voluto impegnare, con l’intento di dilatare il concetto di “storia dell’arte locale” fino a renderne partecipi tutti coloro che, figurativi o astrattisti, scultori o fotografi o pittori, residenti o turisti di lungo corso, hanno contribuito, con le loro opere, ad arricchirla di significati, di tematiche e di tecniche.
    Il critico Carlo Munari, il cui saggio costituisce il testo che accompagna l’opuscolo a corredo della mostra, descrivendo il “messaggio” di Luigi Randi, richiama la locuzione latina castigare ridendo mores (correggere i costumi ridendo), vale a dire quella manifestazione di pensiero di altissimo livello che, nei tempi, si è addossata il compito di indicare alla pubblica opinione, attraverso il sorriso, aspetti criticabili o esecrabili della società, al fine di ottenere una riflessione etica “correttiva” verso il bene.
    In effetti, se alcune opere esprimono amarezza e tormento, altre, più impertinenti e sarcastiche, conducono il riguardante ad una riflessione più irrisoria, più divertita.
    Un caloroso ringraziamento va alla famiglia Randi, in particolare a Piero, Paola e Martino, per aver sottoposto alla nostra attenzione l’idea di questa mostra, per l’intenso coinvolgimento dimostrato e per aver dato al pubblico l’opportunità di conoscere un artista originale e “appartato”.

    Il Sindaco
    Claudio Cottini

    La mostra è aperta tutti i giorni fino al 23 aprile dalle ore 10.00 alle ore 12.00 e dalle ore 16.30 alle ore 19.00.
    Sarà poi visitabile in tutti i fine settimana fino al 4 giugno con gli stessi orari di visita.

  • Impara l’arte e mettila da parte
    10:30 -18:00
    22-04-2017-25-04-2017

    Siete appassionati di arte e avete in programma di trascorrere qualche giorno a Santa Maria Maggiore nei prossimi ponti primaverili?

    Allora non potrete perdere l’occasione di visitare la Scuola di Belle Arti Rossetti Valentini, con la nuova selezione di opere della collezione permanente!

    La Scuola è aperta da sabato 22 a martedì 25 aprile e da sabato 29 aprile a lunedì 1 maggio dalle ore 10.30 alle ore 12.30 e dalle ore 15 alle ore 18.

    Il biglietto di ingresso per la Scuola di Belle Arti Rossetti Valentini costa solo € 2!

    In più, un’altra novità che vi coinvolge in prima persona: scattatevi un selfie davanti all’opera che preferite, inviatecelo via mail o caricatelo sulla nostra pagina Facebook con l’hashtag #soloasanta. Utilizzeremo le vostre foto per  realizzare una simpatica “mostra nella mostra”!

    Inviate il vostro selfie all’indirizzo info@comune.santamariamaggiore.vb.it oppure caricatelo sulla nostra pagina Facebook ufficiale!

25
  • Mostra “Materia e pensiero nei bronzi di Luigi Randi”
    10:00 -19:00
    16-04-2017-25-04-2017

    Fino a martedì 25 aprile al Centro Culturale Vecchio Municipio, in Piazza Risorgimento, sarà visitabile, a ingresso libero, la mostra Materia e pensiero nei bronzi di Luigi Randi.

    Un percorso tra decine di opere dell’artista lombardo, che porterà per la prima volta nella Valle dei pittori una singolare rassegna di lavori realizzati nel corso degli anni e incentrati sul rapporto tra materia e pensiero.

    Con la mostra pasquale presentata quest’anno, l’Amministrazione comunale di Santa Maria Maggiore intende far conoscere la figura affascinante e solitaria di uno scultore che ha frequentato per molti anni Santa Maria Maggiore insieme con la sua numerosa famiglia: Luigi Randi.
    L’esposizione si inserisce in quel filone innovativo e, a tratti, irriverente dell’arte, nella cui costruzione il Comune si è voluto impegnare, con l’intento di dilatare il concetto di “storia dell’arte locale” fino a renderne partecipi tutti coloro che, figurativi o astrattisti, scultori o fotografi o pittori, residenti o turisti di lungo corso, hanno contribuito, con le loro opere, ad arricchirla di significati, di tematiche e di tecniche.
    Il critico Carlo Munari, il cui saggio costituisce il testo che accompagna l’opuscolo a corredo della mostra, descrivendo il “messaggio” di Luigi Randi, richiama la locuzione latina castigare ridendo mores (correggere i costumi ridendo), vale a dire quella manifestazione di pensiero di altissimo livello che, nei tempi, si è addossata il compito di indicare alla pubblica opinione, attraverso il sorriso, aspetti criticabili o esecrabili della società, al fine di ottenere una riflessione etica “correttiva” verso il bene.
    In effetti, se alcune opere esprimono amarezza e tormento, altre, più impertinenti e sarcastiche, conducono il riguardante ad una riflessione più irrisoria, più divertita.
    Un caloroso ringraziamento va alla famiglia Randi, in particolare a Piero, Paola e Martino, per aver sottoposto alla nostra attenzione l’idea di questa mostra, per l’intenso coinvolgimento dimostrato e per aver dato al pubblico l’opportunità di conoscere un artista originale e “appartato”.

    Il Sindaco
    Claudio Cottini

    La mostra è aperta tutti i giorni fino al 23 aprile dalle ore 10.00 alle ore 12.00 e dalle ore 16.30 alle ore 19.00.
    Sarà poi visitabile in tutti i fine settimana fino al 4 giugno con gli stessi orari di visita.

  • Impara l’arte e mettila da parte
    10:30 -18:00
    22-04-2017-25-04-2017

    Siete appassionati di arte e avete in programma di trascorrere qualche giorno a Santa Maria Maggiore nei prossimi ponti primaverili?

    Allora non potrete perdere l’occasione di visitare la Scuola di Belle Arti Rossetti Valentini, con la nuova selezione di opere della collezione permanente!

    La Scuola è aperta da sabato 22 a martedì 25 aprile e da sabato 29 aprile a lunedì 1 maggio dalle ore 10.30 alle ore 12.30 e dalle ore 15 alle ore 18.

    Il biglietto di ingresso per la Scuola di Belle Arti Rossetti Valentini costa solo € 2!

    In più, un’altra novità che vi coinvolge in prima persona: scattatevi un selfie davanti all’opera che preferite, inviatecelo via mail o caricatelo sulla nostra pagina Facebook con l’hashtag #soloasanta. Utilizzeremo le vostre foto per  realizzare una simpatica “mostra nella mostra”!

    Inviate il vostro selfie all’indirizzo info@comune.santamariamaggiore.vb.it oppure caricatelo sulla nostra pagina Facebook ufficiale!

26
27
28
29
  • Mostra “Materia e pensiero nei bronzi di Luigi Randi”
    10:00 -19:00
    29-04-2017-01-05-2017

    Tutti i weekend fino a domenica 4 giugno al Centro Culturale Vecchio Municipio, in Piazza Risorgimento, sarà visitabile, a ingresso libero, la mostra Materia e pensiero nei bronzi di Luigi Randi.

    Un percorso tra decine di opere dell’artista lombardo, che porterà per la prima volta nella Valle dei pittori una singolare rassegna di lavori realizzati nel corso degli anni e incentrati sul rapporto tra materia e pensiero.

    Con la mostra pasquale presentata quest’anno, l’Amministrazione comunale di Santa Maria Maggiore intende far conoscere la figura affascinante e solitaria di uno scultore che ha frequentato per molti anni Santa Maria Maggiore insieme con la sua numerosa famiglia: Luigi Randi.
    L’esposizione si inserisce in quel filone innovativo e, a tratti, irriverente dell’arte, nella cui costruzione il Comune si è voluto impegnare, con l’intento di dilatare il concetto di “storia dell’arte locale” fino a renderne partecipi tutti coloro che, figurativi o astrattisti, scultori o fotografi o pittori, residenti o turisti di lungo corso, hanno contribuito, con le loro opere, ad arricchirla di significati, di tematiche e di tecniche.
    Il critico Carlo Munari, il cui saggio costituisce il testo che accompagna l’opuscolo a corredo della mostra, descrivendo il “messaggio” di Luigi Randi, richiama la locuzione latina castigare ridendo mores (correggere i costumi ridendo), vale a dire quella manifestazione di pensiero di altissimo livello che, nei tempi, si è addossata il compito di indicare alla pubblica opinione, attraverso il sorriso, aspetti criticabili o esecrabili della società, al fine di ottenere una riflessione etica “correttiva” verso il bene.
    In effetti, se alcune opere esprimono amarezza e tormento, altre, più impertinenti e sarcastiche, conducono il riguardante ad una riflessione più irrisoria, più divertita.
    Un caloroso ringraziamento va alla famiglia Randi, in particolare a Piero, Paola e Martino, per aver sottoposto alla nostra attenzione l’idea di questa mostra, per l’intenso coinvolgimento dimostrato e per aver dato al pubblico l’opportunità di conoscere un artista originale e “appartato”.

    Il Sindaco
    Claudio Cottini

    La mostra è aperta il sabato e la domenica dalle ore 10.00 alle ore 12.00 e dalle ore 16.30 alle ore 19.00.

  • Impara l’arte e mettila da parte
    10:30 -18:00
    29-04-2017-01-05-2017

    Siete appassionati di arte e avete in programma di trascorrere qualche giorno a Santa Maria Maggiore nei prossimi ponti primaverili?

    Allora non potrete perdere l’occasione di visitare la Scuola di Belle Arti Rossetti Valentini, con la nuova selezione di opere della collezione permanente!

    La Scuola è aperta da sabato 22 a martedì 25 aprile e da sabato 29 aprile a lunedì 1 maggio dalle ore 10.30 alle ore 12.30 e dalle ore 15 alle ore 18.

    Il biglietto di ingresso per la Scuola di Belle Arti Rossetti Valentini costa solo € 2!

    In più, un’altra novità che vi coinvolge in prima persona: scattatevi un selfie davanti all’opera che preferite, inviatecelo via mail o caricatelo sulla nostra pagina Facebook con l’hashtag #soloasanta. Utilizzeremo le vostre foto per  realizzare una simpatica “mostra nella mostra”!

    Inviate il vostro selfie all’indirizzo info@comune.santamariamaggiore.vb.it oppure caricatelo sulla nostra pagina Facebook ufficiale!

  • Buttogno in fiaba
    10:30 -19:00
    29-04-2017-30-04-2017

    Primavera nella frazione di Buttogno - ph. Maurizio Besana

    Il comitato Pro asilo di Buttogno il 29 e 30 aprile organizza Buttogno in fiaba, un weekend dedicato ai più piccoli, con intrattenimenti e animazioni a tema.

    Ecco il programma completo:

    Sabato 29 aprile
    ore 10.30 apertura della festa e degli stand allestiti a tema;
    ore 12.00 apertura del punto di ristoro con polenta e grigliata mista;
    ore 14.30 intrattenimento con la “Guastafeste” truccabimbi e baby dance;
    ore 16.30 merenda con pane e nutella offerta a tutti i bimbi;
    ore 19.00 chiusura della giornata.

    Domenica 30 aprile
    ore 10.30 riapertura della festa;
    ore 12.00 apertura ristoro con prodotti tipici;
    ore 14.30 intrattenimento e giochi vari con Peter Pan e i suoi trampoli;
    ore 16.00 piccolo spettacolo realizzato dai bambini dell’asilo di Buttogno;
    ore 16.30 merenda con pane e marmellata offerta a tutti i bimbi dal Comitato;
    ore 19.00 chiusura della festa.

30
  • Mostra “Materia e pensiero nei bronzi di Luigi Randi”
    10:00 -19:00
    29-04-2017-01-05-2017

    Tutti i weekend fino a domenica 4 giugno al Centro Culturale Vecchio Municipio, in Piazza Risorgimento, sarà visitabile, a ingresso libero, la mostra Materia e pensiero nei bronzi di Luigi Randi.

    Un percorso tra decine di opere dell’artista lombardo, che porterà per la prima volta nella Valle dei pittori una singolare rassegna di lavori realizzati nel corso degli anni e incentrati sul rapporto tra materia e pensiero.

    Con la mostra pasquale presentata quest’anno, l’Amministrazione comunale di Santa Maria Maggiore intende far conoscere la figura affascinante e solitaria di uno scultore che ha frequentato per molti anni Santa Maria Maggiore insieme con la sua numerosa famiglia: Luigi Randi.
    L’esposizione si inserisce in quel filone innovativo e, a tratti, irriverente dell’arte, nella cui costruzione il Comune si è voluto impegnare, con l’intento di dilatare il concetto di “storia dell’arte locale” fino a renderne partecipi tutti coloro che, figurativi o astrattisti, scultori o fotografi o pittori, residenti o turisti di lungo corso, hanno contribuito, con le loro opere, ad arricchirla di significati, di tematiche e di tecniche.
    Il critico Carlo Munari, il cui saggio costituisce il testo che accompagna l’opuscolo a corredo della mostra, descrivendo il “messaggio” di Luigi Randi, richiama la locuzione latina castigare ridendo mores (correggere i costumi ridendo), vale a dire quella manifestazione di pensiero di altissimo livello che, nei tempi, si è addossata il compito di indicare alla pubblica opinione, attraverso il sorriso, aspetti criticabili o esecrabili della società, al fine di ottenere una riflessione etica “correttiva” verso il bene.
    In effetti, se alcune opere esprimono amarezza e tormento, altre, più impertinenti e sarcastiche, conducono il riguardante ad una riflessione più irrisoria, più divertita.
    Un caloroso ringraziamento va alla famiglia Randi, in particolare a Piero, Paola e Martino, per aver sottoposto alla nostra attenzione l’idea di questa mostra, per l’intenso coinvolgimento dimostrato e per aver dato al pubblico l’opportunità di conoscere un artista originale e “appartato”.

    Il Sindaco
    Claudio Cottini

    La mostra è aperta il sabato e la domenica dalle ore 10.00 alle ore 12.00 e dalle ore 16.30 alle ore 19.00.

  • Impara l’arte e mettila da parte
    10:30 -18:00
    29-04-2017-01-05-2017

    Siete appassionati di arte e avete in programma di trascorrere qualche giorno a Santa Maria Maggiore nei prossimi ponti primaverili?

    Allora non potrete perdere l’occasione di visitare la Scuola di Belle Arti Rossetti Valentini, con la nuova selezione di opere della collezione permanente!

    La Scuola è aperta da sabato 22 a martedì 25 aprile e da sabato 29 aprile a lunedì 1 maggio dalle ore 10.30 alle ore 12.30 e dalle ore 15 alle ore 18.

    Il biglietto di ingresso per la Scuola di Belle Arti Rossetti Valentini costa solo € 2!

    In più, un’altra novità che vi coinvolge in prima persona: scattatevi un selfie davanti all’opera che preferite, inviatecelo via mail o caricatelo sulla nostra pagina Facebook con l’hashtag #soloasanta. Utilizzeremo le vostre foto per  realizzare una simpatica “mostra nella mostra”!

    Inviate il vostro selfie all’indirizzo info@comune.santamariamaggiore.vb.it oppure caricatelo sulla nostra pagina Facebook ufficiale!

  • Buttogno in fiaba
    10:30 -19:00
    29-04-2017-30-04-2017

    Primavera nella frazione di Buttogno - ph. Maurizio Besana

    Il comitato Pro asilo di Buttogno il 29 e 30 aprile organizza Buttogno in fiaba, un weekend dedicato ai più piccoli, con intrattenimenti e animazioni a tema.

    Ecco il programma completo:

    Sabato 29 aprile
    ore 10.30 apertura della festa e degli stand allestiti a tema;
    ore 12.00 apertura del punto di ristoro con polenta e grigliata mista;
    ore 14.30 intrattenimento con la “Guastafeste” truccabimbi e baby dance;
    ore 16.30 merenda con pane e nutella offerta a tutti i bimbi;
    ore 19.00 chiusura della giornata.

    Domenica 30 aprile
    ore 10.30 riapertura della festa;
    ore 12.00 apertura ristoro con prodotti tipici;
    ore 14.30 intrattenimento e giochi vari con Peter Pan e i suoi trampoli;
    ore 16.00 piccolo spettacolo realizzato dai bambini dell’asilo di Buttogno;
    ore 16.30 merenda con pane e marmellata offerta a tutti i bimbi dal Comitato;
    ore 19.00 chiusura della festa.