Scuola di Belle Arti "Rossetti Valentini"

La Scuola di Belle Arti "Rossetti Valentini" ha sede nel centro storico di Santa Maria Maggiore, in un severo ed elegante edificio ottocentesco che, con alcune varianti significative, risponde perfettamente ai canoni dell’architettura vigezzina. Racchiude un vero e proprio tesoro artistico e propone periodicamente corsi di pittura, disegno, fumettistica e intaglio su legno.

La Scuola di Belle Arti “Rossetti Valentini” ha sede nel centro storico di Santa Maria Maggiore, in un severo ed elegante edificio ottocentesco che, con alcune varianti significative, risponde perfettamente ai canoni dell’architettura vigezzina. Racchiude un vero e proprio tesoro artistico e propone periodicamente corsi di pittura, disegno, fumettistica e intaglio su legno.

VIRTUAL TOUR

Presto online il tour virtuale della Scuola di Belle Arti!

L’esposizione permanente della Scuola di Belle Arti “Rossetti Valentini”l’unica ancora attiva su tutto l’arco alpino, presenta opere della pittura vigezzina dalla metà del Settecento a tutto il Novecento. La grande sala al primo piano ospita infatti i lavori eseguiti dai maggiori pittori vigezzini (dallo “Sparsicin” a Giacomo Rossetti, da Enrico Cavalli a Carlo Fornara), offrendo una panoramica dei principali generi nei quali i Vigezzini si sono sempre misurati: la ritrattistica e il paesaggio.

LE RACCOLTE

Nella medesima sala si tengono i corsi di disegno, pittura e fumettistica, sui banchi originali della Scuola di Belle Arti: gli allievi possono così frequentare i corsi proposti circondati dalle opere dei grandi pittori del passato.

Al piano terreno, la saletta del Presidente fa bella mostra di sé con un raffinato arredo e una ricca biblioteca. Sullo stesso livello, in una stanzetta non visibile al pubblico, sono conservati i gessi settecenteschi utilizzati un tempo dagli allievi della scuola.
Nel seminterrato della Scuola di Belle Arti “Rossetti Valentini”, nel periodo invernale, si svolge il corso di intaglio artistico del legno, i cui lavori permangono in mostra presso la sede della scuola.

Da lunedì 3 luglio presso la Scuola di Belle Arti sarà visitabile anche l’esposizione temporanea Barba e baffi“, un percorso divertente alla scoperta dei ritratti maschili con due unici denominatori comuni, barba e baffi, appunto. Potrete scoprire la grande qualità artistica dei ritrattisti vigezzini, che tanto nei soggetti maschili, quanto in quelli femminili, esprimono al meglio le loro capacità tecniche ed emotive.

“Barba e baffi” da venerdì 7 luglio dialogherà con “Donna dalla testa ai piedi: il ritratto femminile nella pittura vigezzina”, la mostra  ospitata presso il Centro Culturale Vecchio Municipio: non perdete l’occasione di visitarle entrambe!

Durante l’estate 2017 vi invitiamo alla Scuola di Belle Arti anche per gli Incontri musicali, promossi dalla Scuola in collaborazione con l’Assessorato alla Cultura del Comune di Santa Maria Maggiore, l’Associazione “Circolo culturale Carlo Ravasenga” con il sostegno morale di Associazione Musei d’Ossola e Provincia del VCO e organizzati in ricordo della presidentessa Susanna Giorgis, che li ideò con passione per l’arte e vulcanico entusiasmo dieci anni or sono.

Scoprite i dettagli di corsi e concerti nella nostra sezione eventi cliccando sul pulsante qui sotto.

Anche durante l’estate 2017 grandi e piccini potranno assecondare la propria passione per l’arte partecipando ai corsi organizzati dalla Scuola di Belle Arti! Arti figurative, acquarello, utilizzo del colore e introduzione al fumetto sono i temi dei coinvolgenti corsi di quest’anno.

La Scuola di Belle Arti “Rossetti Valentini” nasce con un atto di fondazione, nel 1878, del pittore Giovanni Maria Rossetti Valentini, artista vigezzino che in Francia aveva raggiunto la fama sia come pittore sia come valente insegnate di liceo. Tornato in Valle Vigezzo, decide di aprire una scuola gratuita di disegno e ornato per i ragazzi che desiderino apprendere le basi della pittura. La Scuola, dotata per l’inverno solo di una stufa a legna, diventa il fulcro di attività artistiche e intellettuali che, con il maestro Enrico Cavalli, ne faranno una scuola unica nell’arco alpino.
La Valle Vigezzo fu, di fatto, Valle dei Pittori, a partire dalla metà del Seicento, cioè da quando i vigezzini iniziarono ad impratichirsi al mestiere.
Allora, l’arte del disegno e della pittura si imparava nelle botteghe artigianali nei vari comuni della valle.

LA STORIA

Tra gli apprendisti che andavano a bottega, alcuni continuavano a lavorare per conto proprio in patria, mentre altri emigravano, soprattutto in Francia, seguendo itinerari già percorsi da altri, alla ricerca di una committenza disposta a spendere del denaro in cambio di un ritratto, il genere in cui maggiormente si cimentarono i Vigezzini all’estero.
I quadri realizzati su ordine, pur evidenziando la perizia esecutiva, la vena realistica e il sapiente uso del colore dei maestri vigezzini, non esprimevano la felice creatività degli artisti, spesso mortificata dalle richieste convenzionali della committenza.

La “ripetitività” della composizione trovava un chiaro segnale nel fatto che i pittori, durante i lunghi inverni passati in valle, preparavano il fondo delle tele e i tratti fondamentali della figura: al momento della partenza, arrotolavano le tele e, all’occasione, sceglievano quella più adatta ad essere perfezionata con i tratti somatici dell’oblatore. Nei loro viaggi, i pittori lavoravano, studiavano, facevano esperienza, conoscevano altri pittori, altri materiali, altre tecniche e tornavano in valle carichi di stampe e riproduzioni dei capolavori di grandi artisti.

 I pittori emigranti diventavano la cassa di risonanza di un sapere e di un confronto intellettuale acquisiti fuori valle e trasmessi, in via mediata, anche a coloro che rimanevano fra le amate montagne.
Solo nell’Ottocento i pittori di valle si aprirono
, dapprima, al paesaggio e alla rappresentazione della luce che permea il soggetto e, poi, ad un’idea di luce come soggetto stesso dell’opera.
Molti, tra i pittori vigezzini, acquistarono una solida fama anche fuori dei confini locali, grazie alla loro maestria e alla loro operosità. Fra questi, Giuseppe Mattia Borgnis (1701-1761), Lorenzo Peretti (1774-1851), Enrico Cavalli (1849-1919), Giovan Battista Ciolina (1870-1955), Carlo Fornara (1871-1968).

Via Rossetti Valentini, 1
28857 Santa Maria Maggiore
Per informazioni 336 236151 – scuolarossettivalentini@gmail.com

Piccolo parcheggio a mt. 50.
Parcheggio più ampio a mt. 200 (Piazza Mercato).
Raggiungibile in automobile solo in assenza di isola pedonale.
La stazione di Santa Maria Maggiore della Ferrovia Vigezzina-Centovalli dista mt. 300 (5 minuti a piedi).

Dal inizio luglio a inizio settembre:
dal giovedì al martedì 10.00-12.30 / 16-19.30
A giugno e settembre:
sabato e domenica 10.00-12.30 / 16-19.30

Il resto dell’anno aperto su prenotazione.

Ingresso euro 2,00

Visite guidate per gruppi su prenotazione: tel. 336 236151