Casa del Profumo

La “Casa del Profumo” è il nuovo polo museale di Santa Maria Maggiore e rende onore alla storia dell'Aqua Mirabilis: il 23 luglio 2016 sono stati inaugurati l'info point e il giardino degli aromi con due importanti partnership internazionali in attesa del taglio del nastro definitivo, con l'inaugurazione del percorso espositivo vero e proprio. Un percorso, tra profumi, aromi e suggestioni, che porterà alla scoperta della vera storia dell'Acqua di Colonia.

La “Casa del Profumo” è il nuovo polo museale di Santa Maria Maggiore e rende onore alla storia dell’Aqua Mirabilis: il 23 luglio 2016 sono stati inaugurati l’info point e il giardino degli aromi con due importanti partnership internazionali, in attesa del taglio del nastro definitivo, con l’inaugurazione del percorso espositivo vero e proprio. Un percorso, tra profumi, aromi e suggestioni, che porterà alla scoperta della vera storia dell’Acqua di Colonia.

Il Comune di Santa Maria Maggiore sta completando la ristrutturazione e l’allestimento della sede che ospiterà l’esposizione permanente: il nome “Casa del Profumo” denuncia palesemente il contenuto di questo nuovo polo museale, un percorso dentro le vicende, gli aneddoti, le sensazioni, le affinità e le corrispondenze dell’emigrazione vigezzina, permeato dalle fragranze dell’Acqua di Colonia, della cui storia leggendaria si trovano testimonianze anche presso il Museo del Profumo di Casa Farina a Colonia.

La nuova sede museale diventerà il fiore all’occhiello della proposta culturale di Santa Maria Maggiore: un progetto che vuole omaggiare due grandi emigranti vigezzini e, al tempo stesso, celebrare la nascita dell’Acqua di Colonia. L’area espositiva iniziale, inaugurata nel 2016, rappresenta una piccola raccolta di testimonianze che guidano il visitatore alla scoperta della storia dell’Acqua di Colonia, la cui formula fu ideata da Giovanni Paolo Feminis, originario di Crana, piccola frazione di Santa Maria Maggiore, emigrato in giovanissima età in Germania e stabilitosi infine a Colonia.

LA STORIA

L’Aqua Mirabilis, nata come essenza lenitiva riconosciuta per le sue proprietà medicamentose dall’Università di Colonia nel 1727, dove era stata presentata da Giovanni Paolo Femminis, divenne poi profumo assai ricercato in tutto il mondo e apprezzatissimo da personaggi illustri, tra i quali Napoleone Bonaparte.

Importante, per il successo dell’attività, fu l’amicizia e il sostegno di un mercante vigezzino emigrato a Maastricht, Giovanni Maria Farina, che seguì la commercializzazione dell’essenza medicamentosa. Questi due vigezzini, il primo dei quali fu anche generoso oblatore della chiesa e della scuola elementare di Santa Maria Maggiore, con la loro forza inventiva e l’intelligente pragmatismo, hanno contribuito a divulgare ampiamente il nome della Valle Vigezzo nel mondo.

La realizzazione del primo lotto dei lavori è stata resa possibile grazie al progetto interreg “Elisir del Ben-Essere”.

L’evento inaugurale del 23 luglio 2016 ha lanciato anche uno sguardo verso il futuro, grazie a due importanti collaborazioni instaurate dal Comune di Santa Maria Maggiore. La prima con L’Oreal, nella fattispecie con la linea Roger&Gallet, che rappresenta il primo produttore a livello mondiale di Acqua di Colonia, prodotta ancora oggi con il nome di Jean Marie Farina. La seconda, con Atelier Fragranze Milano, laboratorio di “nasi” che crea fragranze, oltre che per L’Oreal Roger&Gallet, per tutte le maggiori aziende profumiere a livello mondiale.

IL FUTURO

Queste due realtà internazionali saranno quindi partner attivi nel futuro del neonato polo culturale.
La strada è dunque ben tracciata: le aziende profumiere italiane si sono accostate con grande interesse al progetto della Casa del Profumo di Santa Maria Maggiore, che restituisce un ruolo al “Made in Italy” anche per il settore profumiero dove, come noto, a livello internazionale è la Francia a farla da padrone, nonostante il genio italiano abbia un ruolo importantissimo.

Il piano terreno della struttura ospita, oltre ad una piccola esposizione delle erbe e delle essenze utilizzate nella ricetta originale, anche un info point che propone in vendita i prodotti legati alla Casa del Profumo, come la tisana “Aqua Mirabilis”; le “bomberbe”, cialde frizzanti profumate; eleganti diffusori d’ambiente e, ovviamente, varie tipologie di Acqua di Colonia.

Inoltre, aperta alle visite, anche una meravigliosa serra e un giardino esterno con un piccolo agrumeto, impreziosito dalla presenza delle erbe e delle piante profumate che compongono la ricetta originale dell’Aqua Mirabilis.

Grazie al finanziamento da parte di Fondazione Cariplo e Fondazione Comunitaria del VCOentro la primavera 2018 verranno terminati i lavori di ristrutturazione e l’allestimento complessivo, realizzato fondendo innovazione e storia, grazie ad un percorso espositivo dalla forte connotazione tecnologica.
Attraverso un lavoro di studio e ricerca e grazie a un inedito percorso multimediale ed esperienziale, le note del profumo verranno legate alle componenti del costume vigezzino.

Le cosiddette note di testa, cuore e fondo saranno il presupposto per un abbinamento tra profumi e costumi. E così, le note di testa, percepibili con immediatezza, verranno abbinate nel percorso agli accessori che i vigezzini d’epoca indossavano sul capo. Le note di cuore, la parte centrale del profumo, saranno affiancate agli ornamenti del busto. Infine le note di fondo, che giungono all’olfatto per ultime, ma decisamente più persistenti, accostate a ciò che del costume tipico vigezzino veniva indossato su gambe e piedi.

Piazza Risorgimento, 7
28857 Santa Maria Maggiore
Tel. 0324.95091
info@santamariamaggiore.info

Raggiungibile in automobile solo in assenza di isola pedonale.
Piccolo parcheggio in Piazza Risorgimento.
Parcheggio più ampio a mt. 200 (Piazza Mercato).
La stazione di Santa Maria Maggiore della Ferrovia Vigezzina-Centovalli dista mt. 300 (5 minuti a piedi).

La Casa del Profumo sarà chiusa fino alla primavera 2018.
L’info point sarà aperto solamente nei giorni dei Mercatini di Natale 2017.

Le tariffe di ingresso verranno comunicate al più presto.