Parco Nazionale Val Grande

La Val Grande è, dal 1992, Parco Nazionale: costituito da circa 15.000 ettari di territorio racchiusi tra il Lago Maggiore e la Val Cannobina a est, la Val Vigezzo a nord e la Val l'Ossola a sud e a ovest è definito dall'Associazione mondiale Wilderness "l'unica area naturale europea che conserva integralmente originali caratteristiche ambientali".
Un luogo magico!


La Valle Vigezzo, attraverso la Val Loana, rappresenta una delle porte d’accesso privilegiate al Parco Nazionale della Val Grande.

È un territorio chiuso, protetto da aspre montagne, accessibile solo attraverso valichi percorribili a piedi, un tempo abitato da persone dedite alla pastorizia e al disboscamento, è oggi disabitato e regno di una natura selvaggia su cui l’uomo non interviene da più di quarant’anni. È proprio la ricchezza e la varietà della vegetazione una delle caratteristiche più interessanti della valle, abitata da camosci, caprioli, volpi, cervi e molti altri protagonisti della fauna alpina, tra cui l’aquila.

I periodi dell’anno più indicati per la visita del parco sono la primavera, l’estate e l’inizio dell’autunno per le favorevoli condizioni climatiche: la rete dei sentieri, alcuni impegnativi, soprattutto per chi non conosce la valle, deve essere percorsa con prudenza e con l’aiuto di accompagnatori esperti.

CENTRO VISITE

Un primo approccio al parco può essere quello offerto dai centri visita situati nei comuni ai confini del parco, tra cui anche quello di Buttogno, frazione di Santa Maria Maggiore.
Il Centro Visite del Parco Val Grande si trova nel cuore della frazione di Buttogno, a due passi dalla splendida casa Simonis, un gioiello dell’architettura del Settecento.

Al momento, il Centro visite non accoglie una collezione permanente, ma esposizioni temporanee inerenti il territorio alpino. Come tutti i Centri Visita del Parco, sarà nel futuro allestito nell’ottica dell’approfondimento di un elemento peculiare del Parco Nazionale Val Grande.

La sede del Centro Visite è una vecchia costruzione rurale di Buttogno, utilizzata forse un tempo come osteria. Riattato dal Parco Nazionale Val Grande, è stato aperto nell’estate 2003.

PARCO VAL GRANDE

Armonia, equilibri naturali e silenzi incontrastati.
Essendo quella del Parco un’area selvaggia e impervia, la percorrenza dei sentieri, alcuni dei quali difficili, pericolosi e ancora non segnati, deve avvenire con la massima prudenza e con accompagnatori esperti.
Contattate le Guide Ufficiali del Parco, le Guide Alpine o gli Accompagnatori naturalistici abilitati.

Val Grande, quindi, significa riscoperta del silenzio come valore e come condizione per saper meglio ascoltare noi stessi, gli altri e il mondo intorno a noi.
La Val Grande può essere una sfida, prima di tutto con sé stessi. Non si tratta di un Parco “strutturato”, in qualche modo “addomesticato”.

E il sublime “esplode” di notte, che è particolarmente buia in Val Grande: lontano da fonti luminose, è possibile ammirare lo spettacolo della volta celeste stellata come difficilmente in altro luogo.

I comuni compresi nel territorio del parco non propongono soltanto escursioni nella natura incontaminata
ma anche testimonianze artistiche e storiche dei secoli passati, oltre a numerosi percorsi natura.
A Santa Maria Maggiore potrete fruire del Sentiero Natura Buttogno-Valle del Basso.