Escursione con le ciaspole al Monte Ziccher

Da Santa Maria Maggiore imboccare la strada per Craveggia e seguire le indicazioni per l’Alpe Blitz. Dal parcheggio al termine della strada per l’Alpe Blitz (m 1200 circa) raggiungere l’omonimo Oratorio (m 1270) salendo direttamente a sinistra, attraversando dopo una breve discesa il Rio dei Piotti per riprendere la salita in una rada faggeta, oppure seguendo la sterrata fino ai tre ristoranti per poi risalire i prati sulla sinistra. A monte della chiesa salire in direzione nord; dopo aver oltrepassato una grossa baita ristrutturata deviare a destra, rintracciando il sentiero che in diagonale conduce all’Alpe Pragrande.

Passato il gruppo di rustici, dopo aver attraversato un avvallamento e percorso un trasverso verso destra, si risale la dorsale ancora in direzione nord uscendo sui prati dell’Alpe Oro (m 1457). A monte delle baite si rientra nel bosco, ora più fitto e costituito prevalentemente da abeti, cercando di seguire per quanto possibile il sentiero estivo. Dopo un affaccio panoramico sulla valle del Rio degli Orti, il sentiero continua a salire tra radure e tratti di bosco più fitto con alcuni tornanti e una diagonale verso nord-ovest in direzione della Bocchetta di S. Antonio.

Alla quota di circa 1700 metri, in ambiente ormai più aperto, si lascia il sentiero estivo per salire direttamente in direzione Nord verso l’antecima dello Ziccher quotata m. 1894, ottimo punto panoramico da cui si osserva un tratto del Lago Maggiore; attenzione all’esposizione sul versante est. Si raggiunge quindi una selletta appena sotto il pendio finale che conduce alla cima, da affrontare possibilmente senza le ciaspole e rigorosamente lungo la linea della dorsale, senza toccare i ripidi pendii laterali che spesso possono risultare pericolosi.

Tempo previsto di salita: ore 3

Dislivello in salita m 770 circa

Difficoltà: E

Testo e foto di Roberto Paniz