Mostra “Dalla calza al calzino spaiato il passo è breve”

30-12-2019 16:00 - 30-12-2019 18:30

Da venerdì 27 dicembre presso il Centro Culturale Vecchio Municipio è aperta la divertente mostra “Dalla calza al calzino spaiato il passo è breve. Storia della calza e della sua sparizione in lavatrice”.

L’inaugurazione della mostra sarà venerdì 27 dicembre alle ore 11. L’esposizione sarà visitabile, a ingresso libero, fino a lunedì 6 gennaio tutti i giorni dalle ore 16 alle ore 18.30. In seguito nei weekend fino a domenica 1 marzo 2020.

Mercoledì 1 gennaio è organizzata una visita guidata con lettura animata della mostra, con merenda e brindisi di inizio anno. Scopri di più cliccando qui.

***

Un’indispensabile premessa a questa piccola ricostruzione dell’archeologia delle calze è relativa al fatto che nell’antichità gli indumenti utilizzati per proteggere dal freddo i piedi e le gambe erano per lo più gambali, atti a coprire tutta la gamba, oltre ai piedi, oppure ghette, prive di copertura per il piede, che venivano abbinate a calzature imbottite.

I primi antenati delle calze che si conoscano sono i calzoni abbinati a calzature imbottite indossati dall’Uomo dei Ghiacci, il famoso Öetzi rinvenuto sulle montagne dell’Alto Adige. Questo montanaro del 3300 a.C. indossava sulle gambe robuste ghette in cuoio di capra, mentre ai piedi portava calzature in cuoio imbottite di fieno.

Ancora dai ghiacci dell’Alto Adige, e precisamente dalle Vedrette di Ries, ci vengono resti di calze di lana dell’età del Ferro, databili al VII secolo a.C., che si avvicinano molto come forma ai calzettoni da montagna di oggi, anche se la parte che copre la gamba e quella che copre il piede sono ancora separate. Questi calzettoni sono stati tessuti manualmente al telaio verticale con lana caprina. Presentano foggia del tutto analoga anche i gambali abbinati a calze con suola rinforzata rinvenuti in una sepoltura femminile del II secolo a.C. in Francia a Les Martres de Veyre.

Per trovare delle calze lavorate a maglia, proprio come quelle realizzate dalle nostre nonne, dobbiamo aspettare il II secolo d.C. e spostarci nell’antico Egitto, dove in diverse tombe sono stati rinvenuti calzini, che mostrano un gusto moderno e vivace nell’uso di colori e fantasie a righe. Queste sorta di babbucce presentano la sede modellata per l’alluce, dettaglio che si ritrova a distanza di millenni anche in modelli attuali.

In epoca greco-romana erano utilizzati soprattutto nell’esercito i tibiales, fasce di tessuto di lana, arrotolate intorno alla gamba e sorrette da cinturini e legacci di cuoio, che non coprivano però il piede. Questo indumento venne nella tarda romanità sostituito da veri e propri calzoni, le bracae, mutate dai Barbari delle province nordiche, molto più efficaci per proteggere dal freddo, e spesso strutturati come pesanti calzamaglie, in modo da prevedere anche la copertura del piede.

Testo a cura di Elena Poletti, Civico Museo Archeologico Mergozzo

 

Scopri altri eventi simili!

  • Il Parco di Villa Antonia, nuova sede di Sentieri e Pensieri 2020
    17-07-2020 10:00 - 19-07-2020 19:00

    Da venerdì 17 a domenica 19 luglio il centro storico di Santa Maria Maggiore sarà coinvolto nella rinnovata e rimodulata magia del Weekend da favola, con allestimenti a tema, coinvolgenti letture per i più piccoli e il musical Biancaneve: spettacolo di pure emozioni, risate e di vero incanto.

    Per tutto il lungo Weekend da favola il centro storico sarà addobbato di magia, con bellissimi ed inediti allestimenti dedicati alle favole.
    Ecco il programma del weekend:

    • Venerdì 17 luglio, ore 21 - Parco di Villa Antonia*
      La Contrada - Teatro Stabile di Trieste presenta Biancaneve
      L'appuntamento è con Teatro Family e con la fiaba forse più popolare a livello planetario dei fratelli Grimm in versione «Family Show», consigliata a tutta la famiglia. Personaggi come Biancaneve e i sette nani, il Principe, gli animaletti del bosco e tutti gli altri hanno reso il racconto un classico fra i più amati dai bimbi di intere generazioni, tuttora lo è per i piccoli d’oggi. Nella storia, uno specchio magico narra di una bella ma malvagia regina, che per primeggiare vuole togliere dal suo cammino tutte le giovani donne del regno più belle di lei. Sorte che non risparmia alla figliastra, Biancaneve: la sua bellezza, bontà e la stessa dolcezza scuotono ancor più la sua ira. Così, con crudeltà, pensa bene di farla soccombere per mano del suo fedele cacciatore. Ma egli, fiero e dal cuore buono, non obbedirà e la farà fuggire nel bosco. Sette simpatici nani, provenienti da ogni parte del regno (volutamente, qui, con buffi accenti diversi), ne combineranno di cotte e di crude, ma troveranno la Principessa e l’aiuteranno. Potranno anche a proteggerla dal male? Sapranno far arrivare il principe azzurro, affinché la svegli da un incantesimo con il bacio del vero amore?

      CAST
      Enza De Rose, Francesco Godina e Valentino Pagliei
      Adattamento di Livia Amabilino e Lorella Tessarotto
      Regia di Daniela Gattorno

      *In caso di pioggia lo spettacolo si terrà alTeatro comunale.
      L'ingresso è gratuito, sino ad esaurimento dei posti disponibili secondo la normativa nazionale per il contenimento del contagio da Covid-19.

    • Sabato 18 luglio 
      Alle ore 16 e alle ore 21 letture di fiabe con gli straordinari amici del Wanda Circus. Gli appuntamenti sono all'aperto, nel Parco di Villa Antonia, e ripetuti nel corso della serata per permettere a tutti i bimbi di poter partecipare allo spettacolo in totale sicurezza.
    • Domenica 19 luglio
      A partire dalle ore 10.30 il centro storico sarà il teatro open-air di Wanda Circus, che allieterà grandi e piccini tra frizzi e lazzi. Il divertimento è assicurato.
      Alle ore 16 e alle ore 18 letture di fiabe con gli straordinari amici del Wanda Circus. Gli appuntamenti sono all'aperto, nel Parco Covidless Approach & Trustdi Villa Antonia, e ripetuti nel corso della serata per permettere a tutti i bimbi di poter partecipare allo spettacolo in totale sicurezza.

    Santa Maria Maggiore è un Comune Covidless – Covidless Approach & Trust