Mostra “Bellezza o bruttezza? Viaggio nelle immagini e nell’immaginario del territorio”

25-08-2018 10:00 - 25-08-2018 19:00

Da lunedì 9 luglio e per tutta l’estate al Centro Culturale Vecchio Municipio sarà visitabile la grande mostra estiva del Comune di Santa Maria Maggiore, dall’emblematico titolo “Bellezza o bruttezza? Viaggio nelle immagini e nell’immaginario del territorio”.

Un progetto espositivo che presenta una serie di peculiarità originali. La base di partenza di ogni riflessione è sempre il territorio: in particolare, la sua storia artistica, l’approfondimento di tematiche e autori che consentano al visitatore la comprensione e conoscenza della Valle dei Pittori. La mostra renderà più attiva e consapevole la riflessione sull’arte grazie ad un allestimento che “obbligherà” il fruitore ad esprimere giudizi davanti alle opere e a giustificarli utilizzando criteri oggettivi o soggettivi.
La mostra sarà diffusa: le sedi espositive utilizzate saranno infatti la Scuola di Belle Arti “Rossetti Valentini” (dove saranno allestite mostre a rotazione legate al tema principale), il Centro Culturale Vecchio Municipio (che ospiterà la sezione di paesaggistica), il Museo dello Spazzacamino (con un esposizione temporanea di opere dedicate al lavoro dell’uomo), la Casa del Profumo Feminis-Farina (qui, nell’ambito del Weekend da favola l’allestimento temporaneo de “La bella e la Bestia”).


La mostra è resa possibile grazie al prezioso contributo della Fondazione Comunitaria del VCO.


Le opere apparterranno a forme d’arte differenti: quadri, fotografie, oggetti d’arte e varie tematiche. Saranno presenti i “magnifici sette” della pittura vigezzina (Cavalli, Fornara, Rastellini, Ciolina, Peretti jr., Magistris, Gennari), ma anche opere contemporanee ed estranee alla cultura figurativa.
La mostra vuole dimostrare che non esiste il bello assoluto, ma che ogni giudizio estetico è determinato, a livello soggettivo, dalla sensibilità, dal gusto personale, dalla cultura e, a livello oggettivo, da stereotipi culturali – diffusi particolarmente da tv, riviste, social network – che plasmano i gusti, senza una vera consapevolezza.
Si scoprirà così che La signora Nicolai di Enrico Cavalli, considerata fascinosissima fino ad oggi, può invece essere giudicata brutta dalle giovani generazioni e che il Vaso di fiori appassiti di Antonio Gennari, che aveva prodotto un certo clamore, viene oggi considerata un’opera tradizionale.

Chiedete a un rospo cosa sia la Bellezza, il Bello, To kalon! Risponderà che è la femmina della sua specie, con due grandi occhi rotondi e sporgenti dalla testolina, un muso largo e piatto, ventre giallo, dorso marrone.(…) il bello è relativo e ciò che è decente in Giappone, è indecente a Roma e ciò che è di moda a Parigi non lo è a Pechino…” (Encyclopédie Universelle curata da Voltaire).
Deve essere sempre “bella” nel senso di piacevole, cioè il contrario di “brutta”, l’opera d’arte realizzata dall’artista? Deve basarsi esplicitamente sull’armonia e l’equilibrio fra le parti, sulla perfezione dell’insieme, o può anche accogliere elementi dissonanti e perfino deformi? La santissima trinità platonica è costituita dal Bene, dalla Verità e dalla Bellezza e appartiene ad un ordine ideale che trascende questo mondo; ma la triade infernale che sembra, invece, presiedere i nostri conflitti terreni è formata dal Male, dalla Falsità e dalla Bruttezza. È dovere dell’artista aspirare unicamente a mostrarsi devoto alla prima trinità o il suo compito comporta anche rendersi conto e darci conto della seconda?
Le tendenze del gusto artistico vigezzino sono, da sempre, molto legate alla pittura figurativa di stampo ottocentesco: lo slancio verso una pittura più “liquida”, più rarefatta, dettata dalle emozioni, dal “sentito” non è ancora avvenuto e molti continuano a ritenere bello ciò che è tradizionale e brutto tutto ciò che viene rappresentato il modo non realistico.
L’esposizione presente, giocata su più sedi, presenta un gustoso viaggio tra le tematiche affrontate da vari artisti (alcuni vigezzini, altri ossolani, alcuni di nascita lombarda ma impegnati sul nostro territorio o in territori limitrofi, alcuni, ancora, lontanissimi dal nostro ambiente, ma amati dai nostri collezionisti) nel corso del tempo, con tecniche, approcci, gusti e ricerche differenti: compito del visitatore – tecnicamente indicato come “riguardante” – sarà quello di esprimersi, di fronte alle opere che vedrà, secondo la dicotomia – in realtà inesistente, come sarà spiegato dall’apparato teorico che accompagnerà la mostra – bellezza/bruttezza.
Buon viaggio!

La mostra è aperta tutti i giorni fino a domenica 2 settembre dalle ore 10.00 alle ore 12.00 e dalle ore 16.30 alle ore 19.00. Dal weekend successivo la mostra sarà visitabile, con gli stessi orari, il sabato e la domenica fino al 21 ottobre.

Ingresso € 2. Under 12 gratuito; under 18 e over 65 € 1.

Scopri altri eventi simili!

  • San Valentino a Santa Maria Maggiore - Casa del Profumo - ph. Susy Mezzanotte
    28-03-2020 10:00 - 28-03-2020 17:00

    ATTENZIONE: Da domenica 8 marzo 2020, a seguito dei provvedimenti del nuovo Decreto Ministeriale in materia di salute pubblica gli eventi in programma sono annullati fino a data da destinarsi.

    Il mese di marzo si dipinge di rosa, in Valle Vigezzo: il Comune di Santa Maria Maggiore da sabato 7 a domenica 29 marzo 2020 organizza "Donna, dal rosa a tutti gli altri colori", un mese di eventi dedicati alle donne, chiunque scelgano di essere.

    Proposte speciali per tutte le donne da parte di alcune strutture commerciali di Santa Maria Maggiore arricchiranno i weekend di chi sceglierà di scoprire questa splendida valle alpina durante le piacevoli giornate tra inverno e primavera.


     Scopri qui le proposte delle strutture commerciali per il mese di marzo.


    Di seguito il programma degli eventi.

    • Tutti i fine settimana presso la Serra della Casa del Profumo* sarà visitabile la mostra “Quando Berta filava…controvoglia”, tratta dal libro dell’illustratrice inglese Jacky Fleming “Breve storia delle donne”, ed. Il Corbaccio.
    • Sabato 7 marzo per tutte le signore ingresso gratuito alla Casa del Profumo* e alla mostra “Quando Berta filava…controvoglia”. La prevista visita guidata delle ore 11 è stata annullata a seguito delle ultime disposizioni governative in merito al contenimento del COVID 19.
    • Domenica 8 marzo per tutte le signore ingresso gratuito con omaggio alla Casa del Profumo* e alla mostra “Quando Berta filava…controvoglia”.
    • *** POSTICIPATO A DATA DA DESTINARSI a seguito delle ultime disposizioni governative in merito al contenimento del COVID 19 *** Sabato 14 marzo dalle ore 16 alle ore 19 presso la Casa del Profumo “Trucco e barbatrucco…segreti di donne”.
      La makeup artist Michela Crenna trucca gratuitamente tutte le signore, signorine, regine, principesse, gattemorte, santarelline, nonne, streghe che hanno voglia di rilassarsi e degustare una tisana in compagnia.
    • Sabato 21 marzo per la "Giornata Nazionale del Profumo" alle ore 17 presso la Casa del Profumo “Storie di cattive ragazze”.
      Musiche e parole con Roberto Bassa al piano, Davide Besana al violino e Monica Mattei voce recitante.
    • Domenica 22 marzo “Visita alle sedi storiche del Parlamento delle donne: i lavatoi e gli orti”, escursione naturalistica di mezza giornata con piccolo aperitivo, organizzata dalla guida naturalistica Arianna Bertoni. Prenotazione obbligatoria.
      Ritrovo ore 10 in piazza Risorgimento - Costo a persona €12 - Info e prenotazioni al 347 9103100.

    * La Casa del Profumo sarà regolarmente aperta con ingressi scaglionati e turni di massimo 5 visitatori per rispettare le nuove direttive sanitarie legate al contenimento del Coronavirus. Il percorso di visita è completamente igienizzato e dotato di guanti monouso per utilizzare in sicurezza tutti i dispositivi sensoriali.

     

  • Santa Maria Maggiore, Scuola di Belle Arti Rossetti Valentini - ph. Massimo Bertina
    28-03-2020 10:00 - 28-03-2020 12:00

    Da sabato 15 febbraio a sabato 18 aprile presso la Scuola di Belle Arti "Rossetti Valentini" si svolgerà un interessante Corso di avvicinamento al disegno: dieci lezioni sotto la guida del pittore Emanuele Antenori.

    Si tratta di una novità per l'unica accademia di belle arti ancora attiva in tutto l'arco alpino: i banchi della scuola vigezzina, su cui gli allievi lavoreranno durante le dieci lezioni programmate sotto la guida di Emanuele Antenori, sono ancora quelli originali, ospitati nella grande sala al primo piano dell'edificio ottocentesco, situato nel pieno centro storico di Santa Maria Maggiore.

    I corsisti si troveranno a disegnare circondati da alcuni capolavori eseguiti dai maggiori pittori vigezzini (dallo “Sparsicin” a Giacomo Rossetti, da Enrico Cavalli a Carlo Fornara), che offrono una panoramica dei principali generi nei quali gli artisti vigezzini si sono sempre misurati: la ritrattistica e il paesaggio.
    La storia di questa scuola così speciale affonda le proprie radici nel 1878, con l'atto di fondazione a cura del pittore Giovanni Maria Rossetti Valentini, vigezzino che in Francia aveva raggiunto la fama sia come pittore sia come valente professore. Tornato in Valle Vigezzo, decise di aprire una scuola gratuita di disegno e ornato per i ragazzi che desiderassero apprendere le basi della pittura. La Scuola di Belle Arti "Rossetti Valentini" diventò così rapidamente il fulcro di attività artistiche e intellettuali che, con il maestro Enrico Cavalli, ne fecero un'accademia unica nell’arco alpino.

    Il corso di avvicinamento al disegno si terrà ogni sabato dal 15 febbraio al 18 aprile, con 10 lezioni di due ore ciascuna, dalle ore 10 alle ore 12. La formazione degli allievi sarà curata dal pittore Emanuele Antenori.

    Sono ammesse al massimo dieci persone di età superiore ai 15 anni e con un minimo di attitudine per il disegno. Si partirà dall'ABC del disegno – con l'osservazione e l'utilizzo dei principali strumenti – per giungere allo schizzo, fino all'elaborazione di una composizione dal vivo.
    Il costo del corso è di € 150.

    Informazioni e iscrizioni: Ufficio turismo e cultura del Comune di Santa Maria Maggiore – tel. 0324 95091-94213 in orario d'ufficio ogni mattina da lunedì a sabato – e-mail: info@comune.santamariamaggiore.vb.it.

     

  • Sentieri e Pensieri 2019 a Santa Maria Maggiore - ph. Susy Mezzanotte
    19-08-2020 18:00 - 25-08-2020 22:30

    Da mercoledì 19 a martedì 25 agosto 2020 torna Sentieri e Pensieri, il festival letterario diretto da Bruno Gambarotta. Anche quest’anno sono attesi in Val Vigezzo grandi protagonisti della cultura, della letteratura e dello sport: molti gli autori e gli artisti che saliranno sul palco in Piazza Risorgimento o presso il Teatro Comunale e che andranno a comporre un ricchissimo calendario di appuntamenti, tutti a ingresso gratuito.

    Sostenuta e fortemente voluta per l'ottavo anno consecutivo dal Comune di Santa Maria Maggiore, la rassegna Sentieri e Pensieri è nata nel 2013 sotto l’egida del Salone Internazionale del Libro di Torino e dal 2018 è parte del circuito di Borgate dal vivo. Prosegue anche nel 2020 la collaborazione con il Parco Nazionale della Val Grande e con il CAI Valle Vigezzo.
    Per tutta la durata dell’evento sarà inoltre allestito un bookshop in Piazza Risorgimento, gestito dall’Associazione Libriamoci degli editori e dei librai del Verbano Cusio Ossola, di cui fanno parte gli editori Grossi di Domodossola, Alberti di Verbania, La Pagina di Villadossola, Il rosso e il blu di Santa Maria Maggiore con le loro librerie omonime e l’editore Tararà di Verbania.

    Presto online il calendario completo di tutti gli eventi.

    ph. slide Susy Mezzanotte